Warning: include(/home/gtaser/my_domains/lanoire/www/it/la-noire/guida-menu.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/la-noire/guida-caso-19.php on line 1

Warning: include(): Failed opening '/home/gtaser/my_domains/lanoire/www/it/la-noire/guida-menu.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php') in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/la-noire/guida-caso-19.php on line 1

Casa di paglia

House of Sticks
Dipartimento: Investigatore privato - California Fire and Life | Indizi: 11 | Domande: 3 | 100%:

Se vieni messo all'angolo, non resta altro che affidarsi ad un amico e il più fidato è colui che sai riconoscere anche sotto l'odio covato per mesi ed anni. Jack Kelso e Cole Phelps, un'accoppiata a dir poco esplosiva.

Elsa: Jack Kelso?

Jack: E' quello che dice la targa sulla porta, signorina.

Concluso il filmato ci ritroveremo nei panni di Jack Kelso e il nostro obiettivo sarà occuparci della cliente, Elsa. Apriamo il documento che la donna ci ha consegnato e scorriamolo completamente in modo tale da aggiungere la lettera di liquidazione e le persone Elsa Lichtmann e Lou Buchwalter nel nostro taccuino. Raccolti i dati, ripartirà il filmato.

Jack: Non c'era bisogno di venire in ufficio, signorna Lichtmann. Se accetta la liquidazione deve solo firmare qui.

Elsa: Non accetto la liquidazione.

Jack: Cosa significa che non accetta? Penso che non si renda conto della sua fortuna, signorina. La proposta è estremamente generosa. Un premio di 20.000 dollari per una polizza da 200? Dovrebbe...

Elsa: Non voglio questi soldi.

Jack: Cosa significa, non vuole i soldi?

Elsa: Voglio che... investighi sul caso. Temo che il mio amico sia stato assassinato.

Jack: OK, mi lasci prendere il fascicolo.

Raccolto il fascicolo del caso Buchwalter andiamo a destra e mettiamo la mano nella parte destra bassa del fogliettino rosa in modo tale da spostarlo e poter leggere il foglio bianco sotto di esso. Letto il foglio aggiungeremo il cantiere della Elysian Fields tra i luoghi ed il fascicolo sul caso Buchwalter tra gli indizi. Ultimata l'analisi del fascicolo, dovremo interrogare Elsa.

Jack: Le spiace se le faccio un paio di domande?

Elsa: Naturamente no.


Domanda: Controversia sul pagamento di una polizza assicurativa

Jack: Su quale base sospetta che sia stato commesso un delitto?

Elsa: Lou Buchwalter era un eccellente artigiano. Non avrebbe mai costruito un tetto pericolante.

Interpretazione: Dubbio

Jack: Vuole che riapra il caso perché glielo suggerisce il suo intuito femminile? Non esiste. Accetti i soldi.

Elsa: Le ho già detto che non intendo accettare il denaro. C'è qualcosa che non va in quella casa.


Domanda: Legame con Buchwalter

Jack: E' la vedova di Buchwalter?

Elsa: No.

Jack: Allora perché le ha intestato la polizza?

Elsa: Eravamo amici.

Interpretazione: Dubbio

Jack: Si aspetta che riapra il caso perché mi fa gli occhi dolci? Beh, non la bevo. Mi racconti piuttosto cosa diavolo sta succedendo.

Elsa: Vuole davvero saperlo?

Jack: Sì.

Elsa: Eravamo insieme ad Ellis Island. Tedeschi in fuga le cui famiglie erano state uccise dai nazisti. Che ironia, eh, signor Kelso? Ci abbiamo passato quattro anni.


Domanda: Motivo della contestazione

Jack: Così il tetto è crollato. Sono incidenti che capitano. Che cosa vuole precisamente, signorina Lichtmann?

Elsa: Esattamente quello che ho detto. Voglio che quell'edificio sia esaminato accuratamente.

Interpretazione: Verità

Jack: Sono affascinato, signorina Lichtmann, davvero. Ma deve darmi qualcosa di concreto se vuole che mi lasci coinvolgere in questa storia.

Elsa: Le nuove case costruite dalla Elysian Fields sono al centro di un complotto. Credo che sia coinvolta anche la vostra compagnia di assicurazioni.

Jack: Accuse pesanti, signorina Lichtmann. Con una base traballante, ma pesanti.

Elsa: Le ho detto tutto quello che so, signor Kelso. Cosa pensa di fare ora?


Jack: D'accordo, signorina Lichtmann, un'ultima domanda.

Elsa: Sì?

Jack: Dove abita?

Elsa: E' normale chiederlo?

Jack: C'è qualcosa di normale in questo caso, signorina Lichtmann?

Elsa: L'indirizzo è sulla lettera, signor Kelso.

Jack: L'indirizzo... ma non il numero di telefono.

Segretaria: Il signor Benson vuole vederti nel suo ufficio, Jack. Al piano di sopra.

Concluso il filmato, prima di seguire la segretaria, interagiamo con la scrivania in modo da raccogliere sopra di essa il foglio di carta tra la lettera della Lichtmann e il dossier di Buchwalter. Fatto questo e ottenuto l'obiettivo visita l'ufficio di Curtis Benson, seguiamo la segretaria all'interno dell'ufficio del capo, l'ufficio centrale al piano superiore.

Jack: Signor Benson? Voleva vedermi?

Curtis: Ah, sì, Jack. Sto giusto provando un nuovo putter. Ma era Elsa Lichtmann nella sala d'attesa?

Jack: E' successa una cosa strana, signor Benson...

Curtis: Chiamami Curtis, Jack. Siamo in California.

Jack: Come ho detto... Curtis. Questo è un caso molto strano.

Curtis: Come mai, Jack?

Jack: Quella signora, Elsa Lichtmann, si rifiuta di incassare ventimila dollari.

Curtis: Elsa Lichtmann non è certo una signora, Jack. E' una musicista jazz. Lavora al Blue Room, a Hollywood. Ora che ci penso, devo dire che ha un bel paio di polmoni.

Jack: E' la beneficiaria della polizza di un certo Lou Buchwalter. E' rimasto ucciso in un incidente mentre lavorava per la Elysian Fields. Conosce la Elysian?

Curtis: Conosco Leland Monroe. Frequentiamo gli stessi ambienti.

Jack: Beh, la Lichtmann sta muovendo accuse piuttosto gravi. Dice che il caso puzza e che è successo qualcosa...

Curtis: Quella ragazza è un po' fuori di testa, Jack. Farei meglio a dire che è una tossica.

Jack: Si tratta di un premio generoso, Curtis. Forse dovrei indagare.

Curtis: C'è qualche errore nell'incartamento, Kelso?

Jack: No, signor Benson.

Curtis: Lo sospettavo. Pagala e leviamocela dalle scatole.

Jack: Non posso obbligarla a prendere i soldi, signore.

Curtis: Trova una soluzione, Jack. Fai il tuo cazzo di lavoro. Devo pensare sempre a tutto io?

Jack: No, signore.

Curtis: Bene, Jack. Bene. Sai che ho la massima fiducia in te.

Jack: Grazie, signor Benson.

Ultimato il filmato otterremo l'obiettivo indaga al cantiere della Elysian Fields. Saliamo dunque in auto e andiamo di retro sino all'incrocio in modo da immetterci sulla quinta strada a destra. Percorriamo la via sino alla sua conclusione, una curva obbligata a destra che ci immetterà su Normandie Avenue. Continuiamo dunque su Normandie in direzione nord e giriamo a destra al quinto incrocio trovandoci così di fronte al cantiere della Elysian Fields - luogo già visitato in precedenza nei panni di Cole. Giunti sul posto, entriamo nella baracca a sinistra ed esaminiamo sopra i tavoli la ricevuta della consegna di cemento, il memorandum dell'azienda e l'ordine di demolizione. Raccolti gli indizi, usciamo fuori dalla baracca.

Cantiere della Elysian Fields

Capocantiere: Ehi! Non puoi venire qui a passeggiare!

Jack: Sono Jack Kelso, della California Fire and Life.

Capocantiere: Puoi anche essere un inviato Vaticano... smamma.

Jack: Sto indagando sulla morte accidentale di un certo Lou Buchwalter, e...

Capocantiere: Sei sordo? Devo alzare le mani?

Jack: Sembra proprio di sì.

A questo punto ci toccherà alzare le mani, come sempre cerchiamo di sfruttare il contrattacco in modo da mandare a terra il nostro avversario in decisamente molto meno tempo del normale.

Jack: Sono qui per vedere la casa dov'è morto Lou Buchwalter. Sbaglio o stavi per mostrarmela?

Capocantiere: E' fuori dal cancello, la terza casa a sinistra. Non so cosa stai cercando, furbone. Non c'è niente, là.

Jack: Allora frugherò tra le macerie.

Capocantiere: Va bene. Basta che ti levi di torno.

Ottenuto l'obiettivo indaga sul luogo dell'incidente e il luogo casa demolita. Apriamo dunque il nostro taccuino e selezioniamo la casa demolita come destinazione, dopodiché raggiungiamola a piedi. Giunti sul posto raggiungiamo la zona posteriore dell'edificio abbattuto, tra le cataste di legno ben sistemate e il bulldozer giallo. Qui troveremo, tra le macerie, dei legni rotti, interagiamoci e prendiamo il legno in basso con su scritto "Ne Films" in modo da ricomporre il testo in Keystone Films ed ottenere l'indizio legno spezzato ed il luogo Studios della Keystone Films. Raccolte le infomazioni però verremo raggiunti nuovamente dal capocantiere che, a bordo di un bulldozer, tenterà di ucciderci.

Concluso il filmato ed ottenuti i comandi corriamo all'interno del fossato e superato il primo ostacolo, giriamoci rapidamente e scarichiamo un paio di colpi sul bulldozer. Ciò porterà il capocantiere ad alzare la pala del mezzo per ripararsi, cosa che al contempo rallenterà la sua corsa. Sparati i colpi, ricominciamo a correre a perdifiato superando i due ostacoli alti e un ennesimo ostacolo basso dove ripetere la mossa della pistola così da distanziare maggiormente il veicolo e poter concludere la fuga dal fossato con tutte le ossa al posto giusto. Conclusa la fuga ed il filmato, ci troveremo automaticamente in auto andiamo dunque a destra, raggiungiamo il gamwell e rintracciamo l'indirizzo della Keyston Films grazie agli archivi.

Ottenuto l'indirizzo degli Studios della Keystone Films riceveremo anche un nuovo obiettivo, ossia indaga alla Keystone Films, torniamo dunque in auto e settiamo come destinazione gli studios. Dal gamwell, proseguiamo a nord su Mariposa Avenue girando a sinistra al primo incrocio, Beverly Boulevard. Da qui proseguiamo sempre dritti curvando a destra su Western Avenue solo quando la curva sarà obbligatoria e su Western Avenue giriamo successivamente a sinistra al primo incrocio, Maplewood Avenue. Percorriamo la strada completamente, completiamo la curva a destra quando sarà necessario e dopo un primo incrocio, ci ritroveremo agli studios della Keystone.

Keystone Film Company

Jack: Ehi. Lavoro per la California Fire and Life. Sto esaminando un caso di incidente sul lavoro.

Guardia: Qui?

Jack: No, non qui. Un complesso residenziale in costruzione sulla Normandie Avenue.

Guardia: E allora?

Jack: Ho trovato sul posto del legname che portava impresso il nome Keystone.

Guardia: Siamo chiusi dal '41. Il passaggio al sonoro ci ha rovinati. La Suburban Redevelopment Fund sta per tirare giù tutto.

Jack: Sa nulla della Suburban Redevelopment Fund?

Guardia: No.

Jack: Le spiace se do un'occhiata in giro?

Guardia: Ho un po' di appetito. Se qualcuno lasciasse qui un paio di dollari, potrei andare dall'altra parte della strada a prendermi un caffè.

Jack: C'è una chiave per il cancello?

Guardia: No. Gli unici che entrano o escono sono quelli che fanno le consegne per la Elysian Fields. Lavorano a un complesso residenziale tra Wilton e Santa Monica. Dovrai scavalcare.

Pagata la guardia scavalchiamo il cancello a destra, quello dell'edificio "Construction Workshop". Superato il cancello esaminiamo le cataste di legno a destra e sinistra - con il cancello scavalcato alle spalle - in modo da raccogliere su di esse due fogli di carta, una ricevuta per la consegna di legname e un avviso di legname di pessima qualità da non utilizzare per costruzioni. Raccolti i due indizi, scavalchiamo nuovamente il cancello e saltiamo sopra il cancello centrale questa volta in modo da percorrere la via principale tra gli edifici ed entrare nella Screening Room, una piccola sala cinematografica a sinistra.

Raggiunta la sala raccogliamo a destra, sopra la piccola scrivania, il contenitore di pellicola dopodichè avviciniamoci alla cassa al centro della sala dove troveremo un proiettore con cui dovremo interagire. Giriamo la leva superiore verso destra ponendola in posizione centrale migliorando così la messa a fuoco, mentre facciamo compiere alla leva inferiore tre scatti a sinistra regolando in tal modo la velocità del filmato. Posizionate le leve correttamente, interagiamo con l'ultima leva in basso in modo da riavvolgere il nastro e vedere il filmato dall'inizio.

Voce fuori campo: In un giorno memorabile per il futuro di Los Angeles, uomini d'affari ed esponenti di spicco della comunità creano la Suburban Redevelopment Fund. Il suo scopo è quello di accelerare la costruzione di nuove abitazioni per i veterani di guerra.

Leland: Signori, vi presento il dottor Harlan Fontaine, l'ultimo investitore nella Suburban Redevelopment Fund. Dottore, questo è Curtis Benson, vicepresidente della California Fire and Life Insurance.

Curtis: Piacere di conoscerla, dottore.

Leland: Ray Gordon, direttore del Times.

Ray: Dottore.

Leland: Il procuratore distrettuale Donald Sandler, il capo della polizia Worrell.

Harlan: Signori, sono onorato di trovarmi in tale raffinata compagnia.

Ray: Lei stesso si sta facendo un'ottima reputazione nei circoli artistici della città.

Harlan: Ho notato che i temperamenti artistici sono inclini a una certa fragilità mentale.

William: Da debosciato a criminale il passo è breve, dottore.

Harlan: Questo è vero, William, ma pensoche siamo tutti d'accordo che alla Città degli Angeli faccia molto bene la luce dei riflettori dell'industria cinematografica.

Leland: Può dirlo forte. Qualsiasi poveraccio che scende da un treno alla Union Station vuole farne parte. Signori, noi siamo qui per vendere il Sogno Americano, e Hollywood è il nostro richiamo più brillante.

Ray: Allora, come vanno le vendite delle nuove residenze, Leland?

Leland: Non riesco a tirarle su abbastanza in fretta, Ray.

Donald: E questo è un problema, Leland. A Washington arrivano continue lamentele. Ci sono pressioni per istituire l'edilizia pubblica.

Leland: Dannazione, Ray. Chi vuole l'edilizia pubblica è praticamente un comunista. Per questo abbiamo combattuto la guerra. Te lo dico io, questi sono Rossi mascherati.

Ray: Non puoi essere pro e contro allo stesso tempo, Leland. Le nuove autostrade che collegheranno i tuoi complessi residenziali fuori città sono finanziate dal governo.

Curtis: Gli aiuti ai veterani sono governativi.

Leland: C'è una bella differenza.

Curtis: E sarebbe?

Leland: Gli aiuti ai veterani finiscono nelle mie tasche.

Curtis: Vuoi dire le "nostre" tasche, vero, Leland? Siamo tutti investitori.

Leland: Naturalmente, Curtis. Allora, quando passerà il decreto per le autostrade, Donald?

Donald: Dev'essere ancora ratificato. Ci vuole parecchio tempo per raccogliere tre miliardi di dollari.

Concluso il filmato che si aggiungerà agli indizi, avremo come nuovo obiettivo telefona all'ufficio di Curtis Benson. Usciamo dagli studios e raggiungiamo la casupola della guardia dove potremo interagire con il telefono e metterci in contatto con Curtis Benson, il capo di Jack.

Curtis: Jack. Come posso aiutarti?

Jack: Sa nulla della Suburban Redevelopment Fund, signor Benson?

Curtis: Ne ho sentito parlare, Jack. Costruiscono case per i veterani...

Jack: Con legname non trattato preso da vecchi set cinematografici.

Curtis: Jack... stai lavorando sul caso Buchwalter?

Jack: Signor Benson, lei fa parte della Suburban Redevelopment Fund?

Curtis: Jack, voglio che mi ascolti molto attentamente. Chiama la Lichtmann. Subito, non appena riappendi. Dalle appuntamento per stanotte e convincila ad accettare i soldi. Questa notte. Hai capito?

Jack: Sì, signore.

Curtis: Fine della storia, Jack. Non voglio mai più sentire parlare di Elsa Lichtmann o di Lou Buchwalter.

Chiusa la chiamata con Benson, Jack si farà collegare al numero di telefono di Elsa

Elsa: Sì?

Jack: Signorina Lichtmann? Parla Jack Kelso.

Elsa: Sì, signor Kelso?

Jack: Ho esaminato il suo caso...

Elsa: Sì, e cos'ha scoperto?

Jack: Niente di buono. Dobbiamo incontrarci.

Elsa: Vediamoci al Blue Room. Stanotte lavoro lì. Faccio una pausa intorno alle 9, la aspetterò all'ingresso sul retro, così potremo parlare. Auf Wiedersehen [Arrivederci], signor Kelso.

Jack: Grazie per l'aiuto.

La schermata a questo punto andrà a nero per poi riaprirsi di fronte al Blue Room, una veloce passata all'interno e nuovamente fuori mostrando Cole che farà il giro esterno per raggiungere il retro dove troverà Elsa parlare con Jack. Non appena l'uomo andrà via, Cole si rivolgerà in modo duro verso Elsa.

Cole: Cosa ci facevi con lui?

Elsa: Ho fatto come hai chiesto.

Cole: Non ti ho chiesto di incontrarlo in un vicolo.

Elsa: Perché te la prendi con me? Il tuo amico è venuto a chiedermi di accettare i soldi dell'assicurazione.

Cole: Non è mio amico, Elsa.

Elsa: Penso che sia un uomo coraggioso e che tu l'abbia messo in grave pericolo. L'hai coinvolto in una brutta storia e lui non ha idea del rischio che corre. Ti sta bene, Cole?

Cole: Elsa, mi serve il suo aiuto, ma lui mi odia a morte.

Elsa: Dimentica il passato, Cole. Ha diritto di avere la possibilità di dire no. Se ti aiuterà, dovrà farlo consapevolmente.

Cole: Andrò a trovarlo domattina.

La scena si chiuderà con i due che faranno la pace nel vicolo - è inutile raggiungere nuovamente il retro del locale, non li troveremo. Ottenuto l'obiettivo indaga al cantiere n° 2 della Elysian Fields saliamo in auto e settiamo il cantiere come nostra destinazione. Dal punto di partenza percorriamo ciò che resta di Hollywood Boulevard sino all'incrocio con Bronson Avenue dove saremo obbligati a girare a destra. Restiamo su Bronson Avenue per tutta la sua lunghezza sino ad un altro incrocio dove dovremo obbligatoriamente girare, stavolta a sinistra su Santa Monica Boulevard. Giunti su questa strada, proseguiamo dritti per due incroci e giriamo a destra al terzo in modo da raggiungere il secondo cantiere della Elysian Fields.

Giunti sul posto Jack proverà ad entrare nel cantiere, ma la sua attenzione sarà subito dopo attirata da una luce all'interno di una casa che ovviamente non può ancora essere abitata. Raggiungiamo dunque l'ingresso, risaliamo le scale e raggiungiamo la stanza sul retro dove si attiverà un filmato automaticamente.

Cantiere n° 2 della Elysian Fields

Scagnozzo #1: Hai perso qualcosa, amico?

Scagnozzo #2: Pensavo che gli investigatori privati fossero gente sveglia, con la battuta sempre pronta.

Scagnozzo #3: Sembra che abbiamo finito il repertorio delle risposte argute.

Jack: Andiamo.

Scagnozzo #1: Che fretta c'è? Devi andare da qualche parte?

Jack: Hai mai provato a fare lo sbruffone senza avere una pistola in mano?

Scagnozzo #2: Ecco, così va meglio.

A questo punto si attiverà una breve fase di lotta, mandato a terra però il primo scagnozzo, gli altri ci attaccheranno insieme mandandoci a terra e facendo partire l'ennesimo filmato.

Scagnozzo #1: Eri stato avvertito, ragazzone. Dovresti imparare ad ascoltare. Portatelo giù e mettetelo nel baule.

La scena andrà a nero riaprendosi all'interno del cantiere con i tre uomini che entreranno nella baracca per fare una telefonata e Jack chiuso all'interno del bagagliaio dell'auto.

Scagnozzo #1: Certo, s'è fatto vivo. Adesso vorrebbe non averlo fatto. E' nel baule. Non va da nessuna parte. I ragazzi si sono presentati. Cosa vuole che ne faccia di lui, signor Monroe? Va bene, conosco un buon posto. Prenderemo una pala e un piccone per strada. E' sulle colline, dietro a Griffith Park. Ci occuperemo dopo della puttana tedesca.

Conclusa la telefonata, i tre torneranno in auto, ma Jack, ad un certo punto della corsa, riuscirà a uscire dal bagagliaio.

Jack: Elsa.

Concluso il filmato otterremo l'obiettivo sali su un veicolo. Ci ritroveremo a controllare Jack in corsa, manteniamo tale assetto e proseguiamo dritti sino alla strada dove troveremo già disponibile un'auto che si sarà fermata di fronte a noi. Requisiamola e mettiamoci in moto, il nostro nuovo obiettivo è sfuggire agli inseguitori per raggiungere l'appartamento di Elsa. Ci troveremo su una lunga strada secondaria e l'unico modo per sfuggire agli inseguitori è cambiare continuamente strada girando il più possibile all'interno di vicoli e viuzze. Non siamo particolarmente distanti dalla nostra destinazione, basterebbe proseguire dritti sino a Santa Monica Boulevard, girare a sinistra e proseguire sino a Gordon Street dove curvare a destra. Da qui, raggiungere Sunset Boulevard e l'appartamento di Elsa sarà uno scherzo.

Se all'inizio possiamo andare dritti cercando di subire meno danni possibile, quando saremo vicino all'appartamento di Elsa dovremo obbligatoriamente toglierci di torno i nostri inseguitori. Il punto pià semplice dove riuscirci è tra i vicoli di Hollywood, assicuriamoci solo di non finire in una strada senza uscita. Tolti di mezzo gli inseguitori, otterremo l'obiettivo raggiungi l'appartamento di Elsa, apriamo dunque la mappa, controlliamo la nostra posizione e raggiungiamo il punto di arrivo dove si concluderà questa prima avventura nei panni di Jack Kelso.

Raggiunta la porta, Elsa aprirà spaventandosi alla vista di Jack sanguinante e pestato. L'urlo della donna farà spuntare sulla scena Cole, arma in pugno e ben mirata, ma subito abbassata alla visione di Jack.

Jack: Porti ancora la .45 dell'esercito, Cole...

Elsa: Per l'amor di Dio, Cole, chiama un'ambulanza.

Con Jack svenuto a terra e Cole alquanto impacciato, si concluderà la diciannovesima missione del gioco. D'ora in poi si gioca solo a carte scoperte, Monroe e soci stanno organizzando qualcosa di grosso ai danni dei veterani, dei cittadini e della stessa Los Angeles. Riusciranno un poliziotto degradato e un investigatore malconcio a estirpare la corruzione dalla Città degli Angeli?

Cinque stelle

Ogni caso della storia di L.A. Noire viene valutato dal capo del dipartimento con un voto che può andare da un minimo di una ad un massimo di cinque stelle. Minore sarà il tempo perso e maggiore la precisione nel trovare indizi e fare le domande corrette, migliore sarà la valutazione finale che otterremo. Non esistono tempi specifici o obiettivi minimi, tutto sta nel non compiere errori e nel guidare quanto più correttamente possibile in modo tale da non creare danni alla città, all'auto o alle persone. E' possibile ottenere la valutazione a cinque stelle rigiocando lo stesso caso attraverso l'apposita funzione nel menu alla voce Casi - ovviamente l'opzione sarà attiva solo dopo aver ultimato il caso una prima volta.

Concludere il caso con la massima valutazione non è affatto una cosa complessa, grazie anche ai viaggi che possiamo continuare a saltare pur non avendo un compagno da far guidare. Gli indizi che facilmente ci scapperanno sotto gli occhi sono la pellicola all'interno della sala cinematografica e il foglietto di carta lasciato sopra la scrivania, all'inizio del caso. Se ci assicureremo di raccogliere le due cose, le cinque stelle sono praticamente nostre di diritto, dato che di interrogatori veri e propri ne avremo uno solo, quello con Elsa.

Video

Qui di seguito potete visionare il video in formato 720p HD della missione - il video è una guida visiva a quanto bisogna fare durante la missione per concluderla al meglio. Il video mostra il completamento della missione con la tattica ideale per ottenere le cinque stelle come valutazione finale del lavoro, il video pertanto mostrerà tutti i filmati, gli indizi, gli interrogatori e le fasi di guida seguendo le strade migliori da percorrere per raggiungere ogni punto di interesse all'interno del caso.



Warning: include(/home/gtaser/my_domains/lanoire/scripts/addthis.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/rewrite_index.php on line 141

Warning: include(): Failed opening '/home/gtaser/my_domains/lanoire/scripts/addthis.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php') in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/rewrite_index.php on line 141

Warning: include(/home/network/public_html/ads-stats-ugo-network/ads-300x250.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/rewrite_index.php on line 143

Warning: include(): Failed opening '/home/network/public_html/ads-stats-ugo-network/ads-300x250.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php') in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/rewrite_index.php on line 143