Warning: include(/home/gtaser/my_domains/lanoire/www/it/la-noire/guida-menu.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/la-noire/guida-caso-10.php on line 1

Warning: include(): Failed opening '/home/gtaser/my_domains/lanoire/www/it/la-noire/guida-menu.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php') in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/la-noire/guida-caso-10.php on line 1

L'omicidio della calza di seta

The Silk Stocking Murder
Dipartimento: Omicidi - Divisione centrale | Indizi: 17 | Domande: 13 | 100%:

Ennessimo caso, ennesima donna morta e modus operandi simile a quello del Lupo Mannaro, l'assassino della Dalia Nera. Possibile che si tratti sempre di emuli? O è più probabile il fatto che abbiamo arrestato innocenti sino ad ora?

La scena si aprirà all'interno di un Diner con Cole che raggiungerà il capitano James e Rusty già seduti ad un tavolo.

James: Stavo dicendo a Finbarr, qui, che stai facendo un ottimo lavoro. Siediti.

Rusty: Sì, è il mio vero nome. E ora puoi dimenticartene per sempre.

James: Ragazzi, avete un nuovo caso. Una povera donna ispanica è stata assassinata vicino al municipio e abbandonata nuda in un vicolo.

Cole: Un'altra donna nuda, signore?

James: Sì. Ce n'è stata una serie da quando il mostro della Dalia ha colpito per la prima volta...

Rusty: Phelps sta cercando di suggerire gentilmente che a suo parere il caso Mendez è un falso.

James: Beh, giovane Phelps, in polizia qualche volta si vince e qualche volta si perde.

Cole: E' contento del caso Moller, signore?

James: Al settimo cielo, ragazzi. Il procuratore distrettuale è contento delle prove, del testimone e della mancanza di alibi. Ora... andate là fuori e catturate un altro peccatore per me.

Ottenuta la nuova persona, vittima dell'omicidio ed obiettivo, indaga sulla scena del crimine a Downtown, saliamo in auto e dalla Broadway, strada su cui ci troviamo, dirigiamoci a Downtown, per l'esattezza nel vicolo tra la Los Angeles Avenue e Alameda Avenue. Proseguiamo sulla Broadway sino all'ufficio del coroner e qui giriamo a destra andando poi sempre dritti sino all'incrocio con Alameda. Giriamo nuovamente a destra e raggiungeremo la nostra destinazione, la scena del crimine.

Scena del crimine

Clyde: Detective, siamo pronti per lo show. Vi accompagno.

Dopo una camminata tra i vicoli raggiungeremo la scena del crimine dove si trovano già il coroner e Pinker.

Malcolm: Oh, Cristo.

Cole: Carruthers, Pinker.

Malcolm: La causa della morte è piuttosto evidente. Abbiamo pensato che fosse meglio aspettarvi. Quando siete pronti.

Ottenuta una nuova persona, sospetto dell'omicidio, mettiamoci sopra la donna ed esaminiamo la mano destra all'interno della quale troveremo una prima metà della tessera della biblioteca, dopodiché analizziamo la testa spostandola tutta a destra per esaminiare la lacerazione intorno al collo, il braccio sinistro per notare l'assenza di un anello e il busto per la scritta con il rossetto. Conclusa l'analisi del corpo si avvierà un nuovo filmato.

Cole: Nel caso Moller le prove erano robuste. Non sono tanto convinto per Mendez.

Rusty: Il modo migliore di farla franca, con un omicidio, è affibbiarlo a qualcun altro. Scommetto che questo è un emulatore.

Ray: Strangolata, pestata, nuda...

Rusty: Sì, sì, sì, conosciamo il modus operandi. Come lo conosce ogni stronzo che uccide la moglie o la fidanzata e cerca di cavarsela. Ho parlato con Brown: lui crede ancora che il mostro della Dalia abbia esperienza medica.

Cole: Quattro donne uccise e messe in bella mostra, ognuna con un messaggio.

Rusty: Sulla Moller non c'erano messaggi. Phelps, così non arriviamo da nessuna parte.

Cole: Hai qualcosa per noi, Mal?

Malcolm: Ferite alla testa dovute al contatto con la strada. Lividi inflitti da una scarpa da uomo, piccola. Trauma da arma contundente alla regione occipitale, alla base del cranio. Avrebbe potuto essere fatale, ma i chiari segni di strangolamento sembrano escluderlo.

Ray: Il rossetto sembra dello stesso colore degli altri casi. Vedo se riesco a stabilire la marca.

Conclusi i discorsi raggiungamo il marker A ed analizziamo la calza insanguinata. Fatto questo raggiungiamo il limite tra terra e asfalto ed esaminiamo la scia di sangue che ci porterà ad un cappello da donna con scritto all'interno il nome Antonia. Posiamo l'oggetto e continuiamo a seguire la scia che ci porterà ad un piccolo bidone della spazzatura al cui interno troveremo degli effetti personali, una scarpa blu Miss Vivienne. Esaminiamo nuovamente la scia di sangue e continuiamo a seguirla sino a dei condotti dell'acqua dove troveremo legata una chiave con su impresso il numero cinque. Continuiamo ancora a percorrere la scia di sangue per trovare una nota con diagramma a puntini, un codice tipo facce di dadi che mostra le cifre 2, 5 e 3.

Raccolto il codice, saliamo le scale antincendio sino al tetto ed una volta in cima entriamo nella piccionaia per individuare la busta vuota di una lettera spedita alla signora A. Maldonado. Continuiamo a proseguire lungo la scia di sangue così da trovare una piccola trousse smaltata e placcata in oro. Scaliamo successivamente la grondaia e una volta in cima esaminiamo l'anello appesso alla ciminiera. Fatto questo, scaliamo il muro ed ultimiamo l'analisi degli indizi guardando il pennello che aggiornerà la scia di sangue e la borsetta della vittima all'interno della quale troveremo la seconda metà della tessera della biblioteca che ci fornirà l'identità della vittima, Antonia Maldonado e un nuovo obiettivo, indagare a casa di Antonia.

Conclusa l'analisi degli indizi lasciamo la borsetta e raggiunta l'auto puntiamo al 712 di North Hill Street. Da dove ci troviamo usciamo sulla destra, giriamo nuovamente a destra sulla Los Angeles Avenue e superata la piazza andiamo a sinistra percorrendo la strada sempre dritti sino all'incrocio a destra con Hill Street, la nona traversa a destra partendo dalla Los Angeles Avenue. Giunti di fronte al numero di domicilio, noteremo che non si tratta di una casa privata, ma di una grande casa dove si affittano camere. Scendiamo comunque dall'auto e andiamo a bussare alla porta.

Residenza di Antonia

Barbara: Solo un momento... scusate, posso aiutarvi?

Cole: LAPD, signora. Detective Phelps e Galloway. La signora Maldonado vive qui?

Barbara: Sì. Sono Barbara Lapenti, la padrona della pensione. C'è qualche problema?

Cole: Temo di sì, signora. Le spiace se entriamo? Possiamo parlare in privato da qualche parte?

Barbara: Certo. Seguitemi, andiamo in salotto. Pulitevi i piedi prima di entrare, detective. Da questa parte.

La signora Lapenti aprirà a questo punto la porta a sufficenza per farci entrare e una volta raggiunto il salotto, continueremo la nostra discussione.

Cole: La signora Maldonado è stata trovata morta questa mattina.

Barbara: Morta. Oh, no... non può essere...

Cole: Temo che sia stata assassinata, signora. Dovremo dare un'occhiata alle sue cose.

Barbara: Non posso crederci. Una persona così piena di vita... morta. La sua camera è al piano di sopra. Ultima porta a sinistra.

Cole: Grazie, faremo in fretta.

Aggiunta Barbara Lapenti tra le persone coinvolte nell'indagine raggiungiamo la stanza della nostra vittima, la camera numero cinque, e una volta dentro guardiamo subito la finestra così da ottenere gli indizi spranga di ferro e finestra forzata. Fatto questo usciamo fuori ed analizziamo approfonditamente la spranga di ferro, dopodiché rientriamo nella stanza e analizziamo la lettera nella busta all'interno della valigia per ottenere l'indizio lettera dell'avvocato, la persona Angel Maldonado e l'obiettivo indaga alla casa dei Maldonado. Riponiamo la lettera nella valigia, ma prima di uscire esaminiamo la fotografia di un braccialetto portafortuna nel cassetto della cassettiera. Conclusa l'analisi, torniamo dalla signora Lapenti per qualche domanda.

Cole: Se se la sente, signora, avremmo qualche domanda.

Barbara: Sì, detective. Farò del mio meglio.


Domanda: Possibili sospetti?

Cole: Conosce qualcuno che avrebbe potuto avercela con la signora Maldonano?

Barbara: Quel verme del marito, Angel... lei stava chiedendo il divorzio.

Rusty: Se avessi ucciso ogni moglie che mi ha chiesto il divorzio, avrei fatto una strage.

Barbara: Vuole fare lo spiritoso, giovanotto?

Rusty: Nossignora.

Interpretazione: Verità

Cole: Cosa può dirci di Angel Maldonado?

Barbara: L'aveva sposato a diciassette anni. Lui era cattivo con lei, molto cattivo. Lei era una brava ragazza... forse un po' troppo bigotta, ma brava.


Domanda: Movimenti della vittima

Cole: A che ora è uscita Antonia, ieri?

Barbara: Intorno alle 9.

Cole: Sa dove andasse?

Barbara: No, io... non ho idea. Era una brava ragazza, ma con me non si confidava.

Interpretazione: Dubbio

Cole: Una vecchia strega ficcanaso come lei sa tutto delle persone che vivono sotto il suo tetto. Dov'è andata?

Barbara: Penso andasse in un locale. Ultimamente beveva parecchio.

Cole: E questo locale ha un nome?

Barbara: El Dorado Bar. E' un posto per latini sulla North Los Angeles Street.

Rusty: Appena a un paio di isolati da dove abbiamo trovato il corpo.


Domanda: Segni di effrazione

Cole: Qualcuno si è introdotto in casa?

Barbara: No. Non può essere.

Interpretazione: Menzogna

Cole: Non sta dicendo la verità, signora Lapenti. Cos'ha da nascondere?

Barbara: Non so di cosa sta parlando.

Prova: Finestra forzata

Cole: Forse Antonia ha perso le chiavi e ha usato una sbarra di ferro per forzare la finestra sul retro?

Barbara: Ho sentito un rumore di primo mattino. Ho pensato che fosse un procione con le bottiglie del latte. Se si sapesse in giro sarebbe grave per i miei affari, ho una reputazione da proteggere.


Domanda: Matrimonio in crisi

Cole: Antonia era separata dal marito?

Barbara: Sì, era venuta qui dopo la separazione dal marito, due mesi fa.

Cole: Ma Antonia portava ancora la fede nuziale?

Barbara: Aveva la fede e una collanina. Portava sempre una collanina con un simbolo religioso. Non aveva altri gioielli.

Interpretazione: Menzogna

Cole: E che mi dice del suo braccialetto?

Barbara: Non ne so niente.

Prova: Fotografia di un braccialetto portafortuna

Cole: Nella foto del matrimonio ha un braccialetto portafortuna.

Barbara: Ah, quello? Non lo metteva mai. Gliel'aveva comprato lui. Lo teneva sempre in una scatola di legno.

Cole: Grazie, signora. Ci è stata di grande aiuto.

Barbara: Andate a prendere quel porco del marito, mettetelo in cella e buttate via la chiave.

Ottenuto dalla vecchia strega il nome del locale, El Dorado Bar e di conseguenza l'obiettivo indaga al bar El Dorado, oltre all'indizio collanina religiosa. Raggiungiamo l'auto e dirigiamoci al bar segnalatoci dalla signora Lapenti, usciamo dunque dal parcheggio in modo da percorrere la strada dell'andata al contrario. giriamo a sinistra al grande incrocio e continuiamo a scendere verso sud, superiamo gli uffici del coroner e giriamo a destra sulla Los Angeles Street in modo tale da raggiungere il bar El Dorado. Giunti sul posto entriamo dentro e parliamo con il barista.

Bar El Dorado

Diego: Cosa vi posso offrire?

Cole: LAPD. Detective Phelps e Galloway.

Diego: Diego Aguilar. Come posso aiutarvi?

Cole: Era al bancone la notte scorsa?

Diego: Sì, insieme a un ragazzo che ci ha mandato l'agenzia.

Cole: Per caso è passata una donna sui 20 anni, ispanica, che ha bevuto parecchio?

Diego: Di ragazze così ce ne sono un sacco, qui, ma ho capito di chi state parlando. Antonia Maldonado. Cos'ha fatto?

Cole: E' stata uccisa ieri notte.

Diego: Oh, merda.

Cole: La conosceva bene? Veniva qui spesso?

Diego: Diavolo, no. Ma ieri sera era eccitata, parlava male del marito. Una scena che vedi spesso, se lavori in un bar. Era così sbronza, ieri notte, che si è dimenticata una lettera sul bancone. Ve la mostro.

Cole: Le carte del divorzio. Le ha aperte?

Diego: Non ce n'è stato bisogno. Lei gridava, le agitava mostrandole a tutti. Diceva che gliel'avrebbe fatta pagare.


Domanda: Gioielli mancanti

Cole: Ricorda se indossava qualche gioiello?

Diego: Aveva una collanina con una medaglietta, una cosa religiosa penso. Il ragazzo dell'agenzia ne saprà di più, è lui che le ha servito la birra.

Cole: E quando se n'è andata?

Diego: Non lo so con precisione.

Interpretazione: Dubbio

Cole: Dov'è andata? Mi dia qualche informazione o la polizia dovrà cominciare a interessarsi a questo locale.

Diego: Ehi, calma. Voleva un taxi. OK? Il telefono non funzionava. Il più vicino che conosco è dal fruttivendolo dall'altra parte della strada, così le ho suggerito di andare là. Sembrava riluttante.


Domanda: Movimenti della vittima

Cole: Quand'è uscita, Antonia ha detto dove stava andando?

Diego: Ha detto che avrebbe dato le carte a suo marito, così gli avrebbe levato quel sorriso dalla faccia. Secondo me era spaventata a morte e aveva bevuto per farsi coraggio.

Interpretazione: Verità

Cole: Qualcuno s'è interessato a lei?

Diego: Una bella ragazza molto sbronza? Secondo voi? Però è riuscita a liberarsi di loro.

Cole: Grazie, è stato di grande aiuto.

Diego: Nessun problema. Ehi... beccatelo, quel bastardo, OK?

Cole: Faremo del nostro meglio. Un'ultima domanda: quale misura di scarpe porta, signor Aguilar?

Diego: 43 abbondante. Ho i piedi grandi.

Aggiunto Diego Aguilar alle persone coinvolte nel caso ed esaminata la richiesta di divorzio, otterremo anche l'obiettivo di indagare dal fruttivendolo. Prima di lasciare il bar però, raggiungiamo la porta sul retro per attivare un breve filmato che ci farà concludere l'analisi degli indizi sul luogo.

Cole: Signore, lavora qui?

Clem: Scusa, amico. Faccio solo le consegne.

Rusty: Da dove?

Clem: Dal fruttivendolo Just Picked, dall'altra parte della strada.

Cole: Un fruttivendolo consegna qui?

Clem: Certo che sì. I messicani adorano il limone nella tequila.

Cole: Bene, grazie.

Concluso il filmato raggiungiamo la nostra auto e dirigiamoci a casa dei Maldonado, al 330 di North Hill Street. Saliamo in auto, proseguiamo dritti sino al primo incrocio e giriamo a destra. All'incrocio con Main Street andiamo a sinistra e nuovamente a destra al primo incrocio. Da qui proseguiamo dritti per due incroci e giriamo a destra al terzo così da raggiungere Casa Maldonado. Una volta ottenuti i comandi esaminiamo le cassette delle lettere a destra per scoprire che l'appartamento dei Maldonado è il 304 - terzo piano, quarto appartamento. Entriamo dunque dentro l'edificio, saliamo le scale e raggiungiamo la porta dell'appartamento dove si attiverà un filmato.

Casa dei Maldonado

Rusty: Phelps, la cosa potrebbe mettersi male. Scordati di bussare. Lo prenderemo di sorpresa.

Angel: Ehi, ma che cazzo...?

Rusty: LAPD, figlio di puttana. Ti dichiaro in arresto.

Concluso il fimato avremo una scazzottata che ci aspetta, affrontiamo dunque prima l'uomo con la maglietta rossa che si rivelerà essere il fratello di Angel e successivamente Angel stesso se Rusty non lo avrà ancora mandato a terra. Non appena entrambi saranno a terra, si attiverà un filmato.

Rusty: Cavolo, piazzano dei colpi mica male. Ammanetta questi figli di puttana, Phelps.

Cole: LAPD. Siete in arresto. Chiama i rinforzi, Finbarr.

Rusty: Galloway, distintivo numero 5-6-4. Mi serve una macchina al 330 di North Hill Street. Dobbiamo trasportare due sospetti alla centrale.

Cole: Tua moglie è stata uccisa, Angel.

Angel: Antonia? Oh Dio, no...

Cole: Dov'eri la notte scorsa, Angel?

Angel: Sono stato qui con mio fratello tutta la notte, dannazione! Pensi che ucciderei mia moglie?

Rusty: Dobbiamo dare una bella ripassata a questo posto e parlare con i vicini.

Concluso il filmato otterremo l'obiettivo passa al setaccio il vicinato, prima di uscira da casa Maldonado però, entriamo in cucina e qui esaminiamo la scassetta del fruttivendolo Just Picked e la camicia insanguinata. Fatto questo usciamo da Casa Maldonado e bussiamo alle porte degli appartamenti 301, 302 e 305.

Appartamento 301

Vicino #1: Buh! Ehi, scusate. Sto giocando con i miei bambini.

Cole: LAPD. Era qui ieri notte?

Vicino #1: Sì. Io e mia moglie siamo separati e ieri notte avevo io i bambini. Li ho messi a letto e me ne sono andato a dormire presto. Grazie.


Appartamento 302

Maria: Sì?

Cole: LAPD, signora. Ha sentito qualcosa ieri notte?

Maria: Sì, altroché. La signora Maldonado si è precipitata fuori e il marito le è corso dietro.

Cole: Li ha visti, signorina...?

Maria: Aranda. Avevo aperto la porta di uno spiraglio.

Cole: In seguito ha visto il signor Maldonado tornare dentro?

Maria: No.

Cole: Grazie, ci faremo sentire.


Appartamento 305

Vicino #2: Che cosa vuoi?

Cole: LAPD. Stiamo facendo qualche domanda.

Vicino #2: Facciamo in fretta, io lavoro di notte.

Cole: Perciò non era in casa ieri notte?

Vicino #2: No, ero al lavoro.

Cole: Sa se la signora Maldonado litigava molto con il marito?

Vicino #2: Quei due? Stanno sempre a strillare.

Cole: Grazie.

Ottenuto dalla signorina Aranda l'alibi del marito torniamo in casa di Angel Maldonado ed interagiamo con il telefono per ricevere un messaggio dal capitano Donelly che richiede urgentemente la nostra presenza alla centrale. Ottenuto dunque l'obiettivo torna alla centrale di polizia, usciamo da casa di Angel, torniamo in strada e saliamo in auto per raggiungere la centrale. Da dove ci troviamo non dovremo far altro che girare a destra al primo incrocio e proseguire dritti e seguire la strada sino all'incrocio con la prima strada dove si trova la centrale di polizia. Giunti sul posto andiamo sotto nell'ufficio di Pinker dove troveremo il capitano.

Stazione centrale di polizia

Mel: Il capitano vi sta aspettando di sotto con Pinker.

James: Entrate, ragazzi. Phelps, hai già incontrato Finis Brown?

Cole: Piacere di conoscerla, signore.

Finis: Queste informazioni sono confidenziali. Non devono uscire da questa stanza.

Ray: La nuova lettera è stata ritrovata sul sedile posteriore di un taxi. Il tassista pensa che sia stata infilata dal finestrino, non abbandonata da un cliente.

Finis: In ogni caso stiamo facendo una verifica sui passeggeri delle ultime 24 ore.

James: Bene.

Ray: Come le precedenti, è stata realizzata assemblando titoli e testi dal Times e dall'Examiner, successivamente incollati su una busta.

Cole: E l'altra nota?

Ray: Questa invece è una novità. Un poema battuto a macchina.

Cole: Ti spiace se do un'occhiata?

Ray: Prego. Abbiamo già esaminato con cura entrambi i documenti. Ci ha passato su della benzina: non c'è speranza di trovare impronte.

Ottenuti i comandi analizziamo il messaggio scritto con le lettere dei giornali e successivamente il poema battuto a macchina - un estratto da un poema di Shelley. Conclusa l'analisi ricomincerà il filmato.

Finis: E' per questo che vi abbiamo chiamati.

Ray: Pensi sia vera?

Cole: No, a meno che non sia un genio.

Rusty: Ti piace il poema di questo maniaco?

Cole: No, mi piace Shelley. E' stata scritta più di cent'anni fa.

Rusty: Shelley? Certo... lo sapevo.

James: Vedi, Finis? Ti avevo detto che è un ragazzo sveglio.

Finis: Certo, ma cosa c'entra con il caso?

Cole: E' il "Prometeo Liberato". Prometeo era un titano, un personaggio sovrumano che sfidò gli dèi per donare il fuoco all'umanità.

Rusty: Il pazzo della Dalia crede di essere superman?

Cole: Ne so quanto voi. Una cosa è certa: ha studiato. Che dire del collegamento con il caso Henry?

James: Forse le parole le ha prese dai giornali. Come hai detto è dannatamente astuto, ed è chiaro che ci gode a prendersi gioco di noi. Come va con il caso Maldonado?

Rusty: Abbiamo preso il marito. Non l'abbiamo ancora interrogato.

James: Beh, allora muoviamoci, ragazzi; vediamo se riusciamo a spezzarlo.

Concluso il filmato otterremo l'obiettivo interroga Angel Maldonado. Non facciamocelo ripetere due volte, risaliamo le scale ed entriamo nella seconda sala interrogatori per mettere sotto torchio Angel.

Cole: Ci siamo calmati, Angel?

Angel: Cosa vuole che dica? Ero con Antonio la notte in cui è morta, ma ha lasciato l'appartamento. E' stata l'ultima volta che l'ho vista.


Domanda: Ultimo contatto con la vittima

Cole: Così tua moglie ti ha fatto visita ieri notte. A che ora?

Angel: Tardi. Intorno a mezzanotte, credo. Non è rimasta a lungo.

Interpretazione: Menzogna

Cole: Stai mentendo, Angel. L'hai pedinata. Io credo che l'abbia uccisa tu.

Angel: E' fuori di testa. Mio fratello le confermerà che ero a casa.

Prova: Alibi del marito

Cole: Abbiamo un testimone che conferma che stavate litigando, poi tua moglie è uscita, tu l'hai seguita e non sei tornato indietro.

Angel: Lo so che sembra brutto, ma non è andata così. Abbiamo litigato, è vero. E' corsa fuori e io l'ho seguita, ma lei è salita su una macchina all'angolo...

Cole: La macchina la stava aspettando? Puoi descrivere chi guidava?

Angel: No, era troppo buio. La macchina però era una Ford coupé marrone.


Domanda: Procedura di divorzio

Cole: Tu e tua moglie non andavate d'accordo. Lei aveva chiesto il divorzio. Per questo l'hai uccisa?

Angel: Litigavamo, sì, ma non stavamo divorziando.

Interpretazione: Menzogna

Cole: Non ti credo, Angel. Il divorzio era praticamente fatto. Lei ha tirato troppo la corda e tu sei scoppiato.

Angel: Gliel'ho detto, non avrei accettato il divorzio.

Prova: Richiesta di divorzio

Cole: Il giudice aveva già fissato la data. Saresti finito alla gogna, tutti avrebbero saputo come la trattavi, Angel.

Angel: Antonia... oh, Gesù. E' arrivata ubriaca, fuori di testa. Lei non beve mai. Si è messa a frugare nella borsa, diceva che voleva darmi le carte del divorzio... divorzio, capisce? Le ho dato uno schiaffo. Lei ha gridato ed è scappata via. E' la verità.

Cole: Che misura di scarpe porti, Angel?

Angel: 42. Che le importa?


Domanda: Gioielli rimossi dal corpo

Cole: Quando abbiamo trovato tua moglie, non aveva gioielli. Ieri notte aveva la sua medaglietta?

Angel: Certo, la indossava sempre.

Interpretazione: Verità

Cole: E il braccialetto portafortuna? Ce l'aveva?

Angel: Sa anche di quello? Non lo metteva mai. Non le piaceva. Lo teneva sempre chiuso in quella sua scatola.


Domanda: Comicia sporca di sangue

Cole: Tua moglie è stata brutalmente assassinata. Come spieghi la tua camicia piena di sangue?

Angel: Ah, quella? Mi sono tagliato radendomi.

Interpretazione: Dubbio

Cole: Angel, non ho intenzione di sprecare altro tempo. Dammi qualcosa di concreto o ti incrimino per omicidio.

Angel: Mio fratello, Hipolito, ieri notte ha detto brutte cose su Antonia. Gli ho tirato un pugno, ci siamo picchiati.

Cole: Continua.

Angel: Ha detto che veniva dal bar El Dorado.

Cole: E...

Angel: Non è uno dei posti che frequento. Normalmente compravamo la frutta giù in strada, ma il tipo viscido che sta lì si spogliava mia moglie con gli occhi.

Cole: Qual'è il nome di questo fruttivendolo?

Angel: Fruttivendolo Just Picked. E' in Ord Street, Downtown.


Cole: Un'ultima domanda, Angel. Cosa ti dicono le parole "bacia il sangue"?

Angel: Niente. Mi sembra una schifezza.

Cole: Non sei affatto fuori dai guai, Angel. Ora te ne torni in cella. Pensa bene, rifletti, forse c'è qualcosa che ti sei dimenticato di raccontarci.

Ottenuto l'indizio Coupé Ford marrone e concluso l'interrogatorio, usciamo dalla stazione di polizia e raggiungiamo il fruttivendolo Just Picked. Scendiamo lungo 1st Street sino all'incrocio con Los Angeles Street dove dovremo girare a sinistra. Da qui proseguiamo sempre dritti così da raggiungere il fruttivendolo di fronte al bar El Dorado e a un passo dalla scena del crimine. Raggiunto il negozio, entriamo al suo interno tornando a parlare con il tizio già incontrato sul retro del bar.

Fruttivendolo Just Picked

Cole: Singore, sono... un attimo. Lei ha un aspetto familiare.

Clem: Sì... nel bar, certo. Cosa vi porta qui?

Cole: LAPD. Detective Phelps e Galloway.

Clem: Clem Feeney. Cosa posso fare per voi?

Cole: Per caso ha visto una ragazza ieri notte, 21 anni, ispanica?

Clem: Certo, è entrata qui. Perché lo chiedete?


Domanda: Collanina religiosa molto particolare

Cole: Indossava una collanina?

Clem: Non l'ho notata.

Cole: Non stava facendo attenzione, Feeney?

Clem: Ehi, si sta facendo un'idea sbagliata.

Interpretazione: Dubbio

Cole: Esattamente, quanta frutta vende dopo la mezzanotte, Clem?

Clem: Eh... non molta. D'accordo, vendo anche qualche bottiglia, dopo la chiusura dei bar. Non voglio problemi. Cerco solo di fare qualche soldo.


Domanda: Contatto con la vittima

Cole: E' arrivata intorno a mezzanotte?

Clem: Sì, più o meno. Ha usato il telefono per chiamare un taxi e poi se n'è andata.

Interpretazione: Dubbio

Cole: Conosceva già la signora Maldonado, non è vero Clem?

Clem: Certo, l'avevo già incontrata. Sembrava una tipa a posto. Un giorno il marito è andato fuori di testa quando ha visto che le stavo parlando. Non era mai tornata prima di ieri notte.


Domanda: Movimenti della vittima

Cole: Sa dov'è andata?

Clem: Voleva un taxi, ma non sono riuscito a chiamarlo. Stavo per offrirle un passaggio, ma poi si è fermata una macchina e lei è salita.

Interpretazione: Verità

Cole: Può descriverla?

Clem: Una Ford coupè marrone, mi pare. Lei sembrava consocere il tizio alla guida.


Cole: Le spiace se diamo un'occhiata in giro?

Clem: E perché vorreste farlo?

Rusty: Perché abbiamo deciso così.

Clem: Per me potete anche farlo. Ma non serve un mandato o cose del genere? I miei diritti...

Rusty: Clem... shhh.

Aggiunto Clem Feeney tra le persone coinvolte nel caso andiamo a sinistra ed entriamo nella camera con le doppie porte verdi. Una volta dentro guardiamo a sinistra, sopra la scrivania, il bisturi insanguinato che ci darà l'obiettivo arresta Clem Feeney. Prima di far questo però andiamo a destra e prendiamo dentro il cassetto della cassettiera la scatola in legno. Usiamo la combinazione 2, 5, 3 per aprirla ed esaminiamone l'interno. Conclusa l'analisi partirà un breve filmato.

Rusty: Questo fruttivendolo del cazzo ha circa dieci secondi per giustificarsi prima che gli strappi via le braccia.

Cole: Clem?

I dieci secondi però Clem non li sfrutterà per giustificarsi, ma per tentare la fuga. Concluso il filmato saremo a bordo della nostra auto con il compito di inseguire e fermare Clem Feeney. Come sempre, facciamo molta attenzione ai civili, teniamo la sirena sempre attiva e cerchiamo, quando possibile, di restare al centro della strada. Restiamo dietro a Clem sino al salto dopo il cantiere, da questo punto in poi spingiamo a fondo sull'acceleratore in modo da affiancarlo e dar modo a Rusty di sparargli alle gomme e fermarlo una volta per tutte. Non appena il furgoncino sarà fermo, scendiamo dall'auto e arrestiamo Clem concludendo così la nostra indagine.

Cole: Sei malato, Clem. Hai bisogno di aiuto.

Dopo l'arresto, la scena tornerà all'interno della sala dei liquori del Just Picked dove verremo raggiunti dal capitano per la valutazione finale.

James: Su questo caso avete fatto un ottimo lavoro, signori. Quella povera donna ora può riposare in pace. Andrò di persona a visitare il mostro e gli ricorderò che in questa città il crimine non rimane mai impunito. Quando al Pronto Soccorso avranno finito con lui, lo metteremo di fronte a una giuria. Questo pomeriggio vedo il sindaco, ragazzi, e state pur certi che gli farò i vostri nomi. Andate pure.

Terzo colpevole per un terzo omicidio troppo simile ai primi due, senza considerare la vittima originale dell'assassino della Dalia Nera. Phelps sa bene che non si tratta di una coincidenza e che non possono esserci così tanti emuli in giro. Perché allora volersi fermare a raccogliere tante uova oggi se in giro resta una "gallina assassina"?

Cinque stelle

Ogni caso della storia di L.A. Noire viene valutato dal capo del dipartimento con un voto che può andare da un minimo di una ad un massimo di cinque stelle. Minore sarà il tempo perso e maggiore la precisione nel trovare indizi e fare le domande corrette, migliore sarà la valutazione finale che otterremo. Non esistono tempi specifici o obiettivi minimi, tutto sta nel non compiere errori e nel guidare quanto più correttamente possibile in modo tale da non creare danni alla città, all'auto o alle persone. E' possibile ottenere la valutazione a cinque stelle rigiocando lo stesso caso attraverso l'apposita funzione nel menu alla voce Casi - ovviamente l'opzione sarà attiva solo dopo aver ultimato il caso una prima volta.

E' la ricerca iniziale degli indizi quella che tende ad abbassare la valutazione in questo caso, seguendo la scia di sangue senza tenere d'occhio tutto ciò che ci circorda rischieremo più volte di lasciarci dietro qualche indizio importante. Superata questa fase con scioltezza, il resto del caso sarà semplice e si concluderà quasi da se.

Video

Qui di seguito potete visionare il video in formato 720p HD della missione - il video è una guida visiva a quanto bisogna fare durante la missione per concluderla al meglio. Il video mostra il completamento della missione con la tattica ideale per ottenere le cinque stelle come valutazione finale del lavoro, il video pertanto mostrerà tutti i filmati, gli indizi, gli interrogatori e le fasi di guida seguendo le strade migliori da percorrere per raggiungere ogni punto di interesse all'interno del caso.



Warning: include(/home/gtaser/my_domains/lanoire/scripts/addthis.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/rewrite_index.php on line 141

Warning: include(): Failed opening '/home/gtaser/my_domains/lanoire/scripts/addthis.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php') in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/rewrite_index.php on line 141

Warning: include(/home/network/public_html/ads-stats-ugo-network/ads-300x250.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/rewrite_index.php on line 143

Warning: include(): Failed opening '/home/network/public_html/ads-stats-ugo-network/ads-300x250.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php') in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/rewrite_index.php on line 143