Warning: include(/home/gtaser/my_domains/lanoire/www/it/la-noire/guida-menu.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/la-noire/guida-caso-26.php on line 1

Warning: include(): Failed opening '/home/gtaser/my_domains/lanoire/www/it/la-noire/guida-menu.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php') in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/la-noire/guida-caso-26.php on line 1

La macchina del console

The Consul's Car
Dipartimento: Traffico - Divisione centrale | Indizi: 17 | Domande: 13 | 100%: No

Una sfavillante Packard è stata ritrovata abbandonata in un cortile polveroso. Senza proprietario, senza targa e con le ruote mancanti, l'auto potrebbe finire allo sfasciacarrozze e il caso si troverebbe a un punto morto. Ma i detective hanno una pista: il veicolo è registrato al consolato argentino di Los Angeles. Inoltre sulla scena è stato ritrovato un interessante diario...

Gordon: OK, sarò breve... sono già in ritardo con il procuratore. Prima di tutto, Phelps, Bekowsky: abbiamo una Packard nuovissima abbandonata in un lotto vacante sulla Second, tra Olive e Grand. La segnalazione è di un certo Oswald Jacobs, dice che il veicolo è stato abbandonato nel suo cortile. Sul luogo c'è un agente di pattuglia. Andate lì e vedete cosa riuscite a scoprire. Domande? Bene. Muovetevi.

Con il rapido briefing che si conclude otterremo diverse informazioni per il nostro taccuino, Aggiungeremo Oswald Jacobs nella lista delle persone coinvolte nel caso, il luogo cortile di Jacobs come scena del crimine e il veicolo abbandonato come primissima prova. Fatto questo, seguiamo l'obiettivo, indaga nel cortile di Jacobs e lasciamo la stazione per salire in auto. Non appena Bekowsky sarà con noi, facciamo una rapida inversione di marcia, risaliamo lungo la prima strada percorrendo la grande salita di fronte a noi e all'incrocio giriamo a sinistra trovandoci così su Olive Street. Percorriamo la strada sino all'incrocio con la seconda strada e qui giriamo a destra ritrovandoci così di fronte alla barricata della polizia

Cortile di Jacobs


Cole: Phelps. Traffico.

Thomas: Sono l'agente Houlihan. L'auto è in quello spiazzo, detective.


Cole: Abbiamo un veicolo abbandonato?

Jack: Sì, signore. La macchina ha delle bandierine. Potrebbe essere un veicolo diplomatico.

Cole: Qualcuno l'ha toccata dopo che sei arrivato?

Jack: No. E quel Jacobs, laggiù, era già qui prima che io arrivassi.

Cole: Gli parleremo tra un momento. Giusto il tempo di dare un'occhiata.

Jack: Certo. Prendetevela comoda. Lui comunque, è un figlio di puttana brontolone.

Aggiornata la posizione del cortile di Jacobs e ultimato il filmato dovremo cominciare ad indagare. Avviciniamoci all'auto ed esaminiamone il frontale per notare le targhe mancanti, dopodiché controlliamo la bandierina sul cofano per ottenere l'indizio bandiera argentina mancante. Fatto questo andiamo intorno all'auto ed esaminiamo prima la ruota mancante e successivamente il certificato di proprietà all'interno dell'auto che aggiornerà anche lo stato dell'indizio targhe mancanti. Conclusa l'analisi dell'auto guardiamo di fronte al mezzo, sulla destra, per notare un'altra prova repertata con la lettera D, ossia la chiave marcata "Dewey Bros" che aggiungerà il luogo Dewey Bros sul nostro taccuino e un nuovo obiettivo, rintracciare l'indirizzo della Dewey Brothers. Ultimata l'analisi degli indizi, raggiungiamo Jacobs ed interroghiamolo.

Cole: Oswald Jacobes?

Oswald: Esatto.

Cole: Cos'è accaduto di preciso, signor Jacobs?

Oswald: Ieri notte stavo guardando fuori dalla finestra. Mi piace buttare un occhio su quello che succede.

Cole: Posso immaginare.

Oswald: Vedi questo lotto vuoto? I mocciosi ci vengono sempre a giocare a baseball. Mi rompono le finestre, chiedono sempre di riavere la palla...

Cole: Possiamo tornare al punto, signor Jacobs?

Oswald: Non essere impaziente, ragazzo. A ogni modo, ieri notte, vedo questa Packard nuovissima appoggiata ai mattoni.


Domanda: Dichiarazioni del testimone

Cole: Ha visto quelli che hanno rubato la Packard?

Oswald: Diavolo, sì! Ho visto tre dannati messicani che ci lavoravano sopra.

Interpretazione: Verità

Cole: Può dirci cosa stavano facendo?

Oswald: Si facevano luce con i fari di una vecchia Ford per smontarla. Io ho gridato "chiamo la polizia!", così loro hanno caricato tutto e se ne sono andati strombettando e schiamazzando e urlandomi oscenità in messicano.

Cole: Lei parla spagnolo, signore?

Oswald: Neanche per sogno.


Domanda: Sospetti ispanici

Cole: Dopo che i messicani se ne sono andati non si è avvicinato all'automobile?

Oswald: Dopo che li ho scacciati... no, non sono andato vicino all'auto.

Interpretazione: Dubbio

Cole: Lei si è avvicinato all'auto. Dopo che se ne sono andati, ha dato un'occhiata di persona.

Oswald: Ero curioso. Non c'è una legge che lo vieta. Che male c'è se ho dato un'occhiata? Non puoi accusarmi di nulla.


Domanda: Possibile veicolo sospetto

Cole: Mi dica della macchina con cui sono andati via.

Oswald: Era una vecchia Ford. Non ho visto il numero di targa.

Interpretazione: Verità

Cole: Lei sembra il tipo d'uomo che nota i dettagli.

Oswald: Infatti. L'auto era un vecchio modello, ma sembrava nuova di pacca. Era dipinta di rosso acceso. Si notava facilmente.


Domanda: Parti rimosse dal veicolo

Cole: Esattamente che cosa li ha visti prendere?

Oswald: Stavano lavorando sulle gomme. Hanno preso solo quelle.

Interpretazione: Dubbio

Cole: Bene. E lei cos'ha preso, Jacobs? Vuole che il mio partner la perquisisca?

Oswald: Ho trovato un taccuino nel portaoggetti. Stavo per mostrarvelo. E' sulla sedia nella mia veranda.


Cole: Grazie per il suo aiuto, signor Jacobs. Può parlare con l'agente Tabot per firmare una deposizione formale.

Oswald: Quando avete finito con la macchina, magari potete tornare e fare qualcosa per quei ragazzini?

Stefan: Che ne dice se le portiamo un fischietto da arbitro?

Aggiornato dunque lo stato dell'indizio Packard rubata e aggiunti i nuovi indizi sospetti messicani e vecchia Ford saliamo sul portico di Jacobs e raccogliamo il taccuino di Juan Francisco Valdez. Una volta aperto e letto, il taccuino di Valdez si aggiungerà alle nostre prove, dimostrando inoltre la predilizione dell'argentino per i ragazzini. Dopo aver letto i vari appunti, giriamo la prima pagina per aggiungere una nuova persona alla lista dei sospetti, William Dewey. Ottenuti tutti i dettagli dal taccuino, scendiamo dal portico e raggiungiamo il gamwell attaccato al palo per metterci in contatto con la centrale.

Avviata la chiamata Cole otterà l'indirizzo della Dewey Bros, concessionario a cui si legherà un nuovo obiettivo, ossia indagare al concessionario Dewey Brothers. Fatto questo il detective si farà passare casa Madsen dove scoprirà che John, il primo nome della lista nel taccuino di Valdez, è un ragazzino di sedici anni, dopodiché chiederà se ha dei messaggi, scoprendo così che l'auto di cui ci siamo occupati è stata segnalata come rubata e che il proprietario, Juan Francisco Valdez, è in centrale e chiede di essere ascoltato. Chiusa la chiamata dunque otterremo un nuovo obiettivo, interroga Juan Valdez a cui ovviamente è legato un nuovo luogo, la Stazione centrale di polizia. Prima di andare alla stazione però, raggiungiamo la Dewey Brother, al 629 di Figueroa Street. Dal punto di partenza invertiamo la marcia, scendiamo sino a Flower Street e qui giriamo a sinistra. Percorriamo questa strada per quattro incroci e al quinto giriamo a destra, su Wilshire Boulevard, raggiungendo così il concessionario.

Dewey Bros, concessionario


William: Non dite nulla, lasciatemi indovinare. Stavate passando vicino al parcheggio, avete adocchiato il nuovo modello quattro porte e non avete resistito. Vi siete già visti alla guida, non potevate non verificare di persona. Beh, non posso certo biasimarvi.

Cole: LAPD, amico. Possiamo parlare al proprietario?

William: Sono io. William Dewey, al vostro servizio.

Cole: Stiamo indagando sul furto di una Packard che appartiene all'ambasciata argentina. Per caso manca all'appello una chiave combinata?

William: Non lo so, detective. Ma so come possiamo scoprirlo. Seguitemi.

Concluso il filmato seguiamo Dewey all'interno dell'officina, sulla destra e qui interagiamo prima con le targhe attaccate al muro e successivamente con il tavolo di lavoro in fondo dove si attiverà una piccola sessione puzzle. Quello che dovremo fare sarà riposizionare le chiavi presenti sul tavolo all'interno della scaffalanatura a muro dove sono presenti chiavi, lime ed altri oggetti da meccanico. La posizione degli oggetti è molto evidente. La prima gialla a sinistra è la chiave da uno, la prima chiave gialla a destra è quella da tre quarti e la seconda chiave a destra, quella piccolina, è da un mezzo. Le chiavi rosse sono invece rispettivamente da tre ottavi quella piccola a sinistra e da undici sedicesimi quella grande. Riposizionate le chiavi vedremo che la chiave rubata trovata sulla del crimine è la chiave da tre quarti di Gabriel Del Gado. Ottenuto dunque l'obiettivo rintraccia Gabriel Del Gado, lasciamo l'officina e torniamo da Dewey di fronte all'autosalone per un rapido interrogatorio.

Cole: Se non le spiace, abbiamo qualche domanda da farle.


Domanda: Legami con Valdez

Cole: Le Packard sono ottime vetture, ma questo non sembra un posto dove potrebbe andare un'ambasciata straniera. Come fa a conoscere Valdez?

William: Non lo conosco, Valdez. L'automobile è stata comprata dall'ambasciata. Di lui so solo che sa riconoscere una bella macchina.

Interpretazione: Menzogna

Cole: E io so riconoscere un furbone. Lei e Valdez siete coinvolti insieme in questa storia.

William: Io e Valdez? Lo conosco a malapena. Non si pulirebbe neanche le scarpe con uno come me.

Prova: Taccuino di Valdez

Cole: Abbiamo trovato i suoi dati nel taccuino di Valdez. La stava chiamando per qualche ragione, Dewey.

William: OK. Ho incontrato Valdez in un bar. Abbiamo fatto un accordo, lui ha comprato la macchina per l'ambasciata, e io gli ho dato una parte in nero. Capita tutti i giorni.


Domanda: Ubicazione di Del Gado

Cole: Dove possiamo trovare Del Gado?

William: Non lo so. Di sicuro non qui.

Interpretazione: Dubbio

Cole: L'indirizzo, Dewey. O il mio partner le ficca la testa in una portiera.

William: OK, d'accordo! Appartamento numero 3, al 103 di Hill Street. Ditegli da parte mia che se capita ancora da queste parti lo prenderò a calci in culo fino alla fine del mondo.


Domanda: Chiave utilizzata per un furto d'auto

Cole: Una chiave di questo concessionario è stata usata per smontare le gomme di una Packard ieri notte, signor Dewey. Degli ispanici ne hanno trafugato alcune parti.

William: Anche noi abbiamo avuto parecchi furti. Colpa della posizione. Quei bastardi rubano qualcosa non appena voltiamo le spalle.

Interpretazione: Dubbio

Cole: Cosa sta nascondendo, Dewey? Parli. Non vorrà che l'LAPD si interessi troppo a questo posto.

William: D'accordo, impiego qualche immigrato illegale. Sono più economici dei veterani e hanno meno pretese. Però hanno le dita un po' troppo svelte.


Cole: Grazie per il suo aiuto, signor Dewey.

William: Nessun problema. Dannato ragazzino. Io sono solo un onesto venditore d'auto. Di questi tempi non ci si può fidare di nessuno.

Stefan: Datti al cinema, Dewey. E' la tua vera vocazione.

Concluso l'interrogatorio otterremo la residenza di Del Gado come un nuovo luogo nel nostro taccuino e contemporaneamente riceveremo anche l'obiettivo indaga a casa di Del Gado. Prima di raggiungere però casa Del Gado, abbiamo un ambasciatore a cui dare udienza alla Stazione di Polizia. Dal punto di partenza dunque facciamo una inversione a U lungo Wilshire e proseguiamo in direzione sud sino all'incrocio obbligatorio con Grand Avenue. Qui giriamo a sinistra e proseguiamo deitti sino all'incrocio con la prima strada, incrocio in cui dovremo andare a destra. Una volta sulla prima non ci resta che proseguire dritti, superare la ripida discesa e giungeremo di fianco alla Stazione di Polizia dove si attiverà un filmato.

Stazione di Polizia - All'angolo tra First e Hill


Cole: Abbiamo un certo Juan Francisco Valdez da interrogare?

Mel: Certo, Phelps. E' nella saletta 2. Pensa un po', ha i guanti e fa del suo meglio per non toccare nulla. Non è uno spasso?

Stefan: Sembra che questo tizio non sia il tipo che attende con pazienza. Da questa parte.

Concluso il filmato, seguiamo Stefan - o anticipiamolo - sino alla saletta interrogatori numero due, quella posizionata sulla destra con il vetro unidirezionale. Una volta dentro, avrà inizio l'interrogatorio con Valdez.

Juan: Alla buon'ora. Lei è l'ufficiale esperto che ho richiesto?

Cole: Sono il detective Phelps e questo è il detective Bekowsky.

Juan: Ha idea del tempo che ho dovuto aspettare? Al consolato hanno bisogno di me, e voi mi tenete qui come un criminale comune.

Stefan: D'accordo, amico. Facciamo un bel respiro profondo e ricominciamo daccapo.

Cole: Signor Valdez...

Juan: Console generale. Insisto perché si usi il mio titolo completo.


Domanda: Sequenza di proprietari della Packard

Cole: Dove ha acquistato la macchina?

Juan: Il mio autista e segretario ha organizzato la cosa. Un posto poco raccomandabile "Dewey Brothers". Appena riesco a organizzarmi mi farò mandare la mia Hispano Suiza da Buenos Aires.

Interpretazione: Dubbio

Cole: Perché ha comprato una Packard, Valdez? Uno snob come lei non guida macchine americane. Risponda o le do un pugno sui denti.

Juan: William Dewey mi ha offerto una grossa somma per comprare presso il suo concessionario. E' un genere di transazione non inusitato nel mio campo.

Stefan: Vallo a raccontare ai contribuenti argentini.


Domanda: Furto della macchina del consolato

Cole: Console generale, abbiamo trovato la sua macchina. Ci può dire com'è stata rubata?

Juan: Devono averla presa al garage del consolato. Un fastidio terribile, naturalmente. Voglio che il perpetratore sia duramente flagellato.

Stefan: Sfortunatamente qui non facciamo cose simili, Sua Altezza.

Interpretazione: Dubbio

Cole: Lei ha un'idea abbastanza chiara su chi abbia rubato l'auto, non è vero, console generale? Ha intenzione di parlare o la devo scuotere un po'?

Juan: Non c'è necessità di minacciare. Io sospetto di un ragazzino scontroso, uno del concessionario.

Stefan: E questo ragazzino ha un nome?

Juan: Gabriel, come l'arcangelo. Non conosco il cognome.


Domanda: Rapporto con "Gabriel"

Cole: Allora, ci dica di questo ragazzo, Gabriel. Avete avuto degli screzi?

Juan: Un mecánico. Un giovane presuntuoso che non sa stare al proprio posto. Ha osato pormi delle domande.

Stefan: Noi osiamo un sacco di cose qui negli Stati Uniti, console generale. E' una tradizione locale.

Interpretazione: Menzogna

Cole: Lei si scopa i ragazzini, Valdez?

Juan: E' pazzo? Questo causerà un incidente diplomatico!

Prova: Taccuino di Valdez

Cole: Danny, Ben, Miguel, Tristan e Teddy... "labbra piene". Le ricorda qualcosa?

Juan: Sicuramente possiamo arrivare a un accordo.

Cole: Gabriel. Sputi il rospo.

Juan: Un ragazzo bello, ma impertinente. Ho menzionato un rendez-vous e il giovane è quasi impazzito. Ho pensato che mi uccidesse. Ero pronto a pagare.


Cole: Rimarremo in contatto, console generale.

Concluso l'interrogatorio con Valdez, ottenendo alla prima domanda l'indizio presunta corruzione, andiamo fuori dalla stazione di polizia, senza dimenticarci di parlare prima con Mel.

Cole: Abbiamo finito con Valdez.

Mel: Grazie a Dio. Me ne libererò. Tra un paio d'ore.

Una volta fuori dalla stazione di polizia saliamo in auto e impostiamo come destinazione la residenza di Del Gado, 103 di Hill Street, appartamento 3. Dal punto di partenza eseguiamo una inversione di marcia e percorriamo l'intera salita della prima strada. All'incrocio giriamo a destra e successivamente a sinistra raggiungendo così la nostra destinazione. Una volta fuori dall'auto, entriamo nell'edificio ed esaminiamo la lettera a terra in modo tale da confermare il terzo appartamento come quello di Del Gado. Fatto questo saliamo le scale e in cima bussiamo alla prima porta sulla destra.

Residenza di Del Gado


Anna: Sì?

Cole: LAPD, signora. Stiamo cercando Gabriel Del Gado.

Anna: Gabriel?

Stefan: Siamo della polizia. Policía. Capisci?

Anna: Sì. Capisco. Perché non entrate?


Cole: Come ti chiami?

Anna: Anna Rodriguez.

Cole: Gabriel Del Gado è qui, signorina Rodriguez?

Anna: No. Cosa volete da Gabriel? E' nei guai?

Cole: Resta dove sei, signorina Rodriguez. Diamo un'occhiata in giro.

Anna: Ma non è qui! Ve l'ho detto!

Stefan: Guarda nei dintorni. Io sto con la ragazza.

Aggiunta Anna Rodriguez alla lista delle persone coinvolte nel caso, saremo liberi di cercare prove all'interno della proprietà di Del Gado. Per prima cosa raggiungiamo il tavolo a sinistra ed esaminiamo la bandiera argentina rubata posta all'interno del vaso. Esaminato il souvenir, raggiungiamo la cucina ed esaminiamo il tavolo vedendo così due piatti della colazione, indizio che pone Gabriel all'interno della casa in mattinata. Fatto questo usciamo dalla porta sul retro, scendiamo le scale e raggiungiamo il capanno in basso a sinistra al cui interno troveremo la targa rubata PR 706 sulla destra insieme ad altre targhe - quella diplomatica differisce dalle altre perché di colore nero e non giallo - e sulla sinistra un paio di ruote rubate marchiate Packard. Esaminate le prove torniamo da Anna e interroghiamola.

Cole: Sei in grossi guai, signorina Rodriguez.

Anna: Ma Gabriel non è qui! Io non ho fatto nulla di male.


Domanda: Movente per il furto d'auto

Cole: Perché ha rubato la macchina, Anna?

Anna: Il cliente lo ha insultato. Ha il suo onore, no?

Interpretazione: Verità

Cole: Il suo onore, Anna?

Anna: Ha detto che l'amico di Dewey ha cercato di fare di lui una donnicciola. Non rispetta più Dewey. Ha preso la sua auto per mostrare a quel maricón che lui è un uomo.


Domanda: Ultimo contatto con Gabriel

Cole: Dicci la verità, Anna. Gabriel è stato qui?

Anna: Non lo vedo da almeno tre giorni.

Interpretazione: Menzogna

Cole: Continua a mentire e manderemo te e tuo figlio in prigione.

Anna: Lui vive qui, ma non è venuto a casa. Lo giuro.

Prova: Piatti della colazione

Cole: Basta, Anna. Dovunque ci voltiamo troviamo tracce del fatto che è stato qui.

Anna: Era qui ieri sera. Non l'ho mai visto così arrabbiato. E' andato fuori e ha messo delle cose nel capanno. Non so cosa e non lo voglio sapere. Io lo amo.


Domanda: Targhe diplomatiche recuperate

Cole: Abbiamo trovato nel capanno una targa che corrisponde al nostro veicolo rubato. Aggiungiamoci un assortimento di ricambi e possiamo accusare Gabriel per una decina di furti. E' tempo di parlare, Anna.

Anna: Queste domande devi farle a Gabriel. Non so nulla di questi pezzi di auto.

Interpretazione: Dubbio

Cole: Allora dicci dov'è. Se tuo figlio nasce in prigione, i servizi sociali te lo porteranno via. Lo potrai vedere solo mezz'ora alla settimana attraverso una grata metallica.

Anna: La linea di partenza è all'incrocio tra la First e Santa Fe. Sotto il ponte c'è un canale di scarico che va nel fiume. Molti policía si sono schiantati mentre cercavano di inseguirlo.


Cole: Metteremo una parola buona per te, Anna. Per quanto ci riguarda, questa faccenda riguarda solo Gabriel.

Concluso l'interrogatorio aggiungeremo il luogo corsa di macchine illegale al taccuino a cui si unirà l'obiettivo recati alla corsa stradale a Santa Fe Avenue. Ottenuto il tutto usciamo da casa di Del Gado, torniamo in auto e settiamo come destinazione l'incrocio tra la prima strada e Santa Fe Avenue. Una volta in moto eseguiamo una inversione di marcia, giriamo a destra al primo incrocio e a sinistra a quello successivo così da immetterci sulla prima strada in direzione sud. Da qui percorriamo tutta la strada sino all'incrocio con Molino Street, l'incrocio prima che la 1st Street salga sul ponte. Qui giriamo a sinistra e successivamente a destra raggiungendo così il luogo dove inizierà la corsa di macchine illegale.

Dopo il breve filmato in cui Stefan ci indicherà Del Gado a bordo della sua fiammante Ford rossa, ci troveremo protagonisti della gara con il compito di fermare Del Gado, ma soprattutto di non farci distruggere l'auto dal resto della compagine. La prime delle altre tre auto partecipanti alla gara si fermerà dopo pochi metri contro un camion, le altre due invece faranno di tutto per buttarci fuori. Un buon trucco consiste nel restare molto vicini ai limiti della strada, in questo modo quando gli avversari tenteranno di venirci incontro sarà sufficente eseguire una svolta verso di loro per mandarli ruote all'aria - o eseguire una brusca fermata in modo tale che l'avversario faccia un frontale contro il muro, un palo o un'altra auto.

Raggiunto il tunnel sotto il viadotto restiamo larghi in modo da farci superare da eventuali avversari ancora in corsa e successivamente giriamo raggiungendo così le acque del Los Angeles River. Qui, per evitare i rischi, restiamo sulla sinistra percorrendo la strada fuori dall'acqua e spostandoci solo quando abbiamo un ostacolo di fronte a noi in modo tale da non danneggiare il nostro veicolo. Superato il secondo ponte Del Gado girerà a sinistra risalendo il piccolo passaggio che lo porterà - a seconda della velocità - a schiantarsi contro un treno o superarlo completamente distruggendo però l'auto nell'atterraggio. Comunque si fermi il mezzo, scendiamo dalla nostra auto e arrestiamo Gabriel Del Gado semplicemente puntando rapidamente la pistola senza sparare, l'uomo dopo poco si fermerà con le mani in alto.

Cole: Gabriel Del Gado, ti dichiaro in arresto per furto d'auto.

Gabriel: Fanculo, puto. Dovresti parlare al maricón, Valdez. Gliel'ho fatta vedere. Adesso chi è l'uomo? Avrei dovuto bruciare quella cazzo di macchina.

Gordon: Abbiamo un dignitario straniero pedofilo conclamato, un concessionario che prende tangenti e un teppista ladro d'auto che per molto tempo non sarà in grado di mettere le mani sulle macchine altrui. Non male come bottino, detective Phelps. Non montarti la testa, continua a lavorare sodo e chiudi tanti altri casi come questo. E' stata un'indagine da manuale, proprio quello che serve a questo dipartimento.

Si conclude così il quinto ed ultimo caso aggiuntivo della storyline di L.A. Noire, collezionando un arresto per furto e un altro per abuso di minori e pedofilia. La carriera di Phelps è decisamente in ascesa, ma sarà sempre così?

Cinque stelle

Ogni caso della storia di L.A. Noire viene valutato dal capo del dipartimento con un voto che può andare da un minimo di una ad un massimo di cinque stelle. Minore sarà il tempo perso e maggiore la precisione nel trovare indizi e fare le domande corrette, migliore sarà la valutazione finale che otterremo. Non esistono tempi specifici o obiettivi minimi, tutto sta nel non compiere errori e nel guidare quanto più correttamente possibile in modo tale da non creare danni alla città, all'auto o alle persone. E' possibile ottenere la valutazione a cinque stelle rigiocando lo stesso caso attraverso l'apposita funzione nel menu alla voce Casi - ovviamente l'opzione sarà attiva solo dopo aver ultimato il caso una prima volta.

Completare questo quinto caso aggiuntivo di L.A. Noire con il massimo della valutazione non è affatto cosa complessa, gli interrogatori sono semplici da sostenere e le prove sempre ben visibili. Il vero ostacolo sta nelle fasi di guida, soprattutto quella finale in cui dovremo tenere l'acceleratore al massimo inseguendo il nostro sospettato. Cerchiamo dunque di lasciare a Stefan la guida del mezzo ogni volta che ci sarà possibile limitando così la nostra guida alle sole fasi di corsa. Qui, spingiamo i due avversari verso gli ostacoli e nella rincorsa alla Ford rossa all'interno del letto artificiale del fiume, restiamo tranquilli seguendo la strada che porta sino al treno dove il nostro sospettato si schianterà.

Video

Qui di seguito potete visionare il video in formato 720p HD della missione - il video è una guida visiva a quanto bisogna fare durante la missione per concluderla al meglio. Il video mostra il completamento della missione con la tattica ideale per ottenere le cinque stelle come valutazione finale del lavoro, il video pertanto mostrerà tutti i filmati, gli indizi, gli interrogatori e le fasi di guida seguendo le strade migliori da percorrere per raggiungere ogni punto di interesse all'interno del caso.



Warning: include(/home/gtaser/my_domains/lanoire/scripts/addthis.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/rewrite_index.php on line 141

Warning: include(): Failed opening '/home/gtaser/my_domains/lanoire/scripts/addthis.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php') in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/rewrite_index.php on line 141

Warning: include(/home/network/public_html/ads-stats-ugo-network/ads-300x250.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/rewrite_index.php on line 143

Warning: include(): Failed opening '/home/network/public_html/ads-stats-ugo-network/ads-300x250.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php') in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/rewrite_index.php on line 143