Warning: include(/home/gtaser/my_domains/lanoire/www/it/la-noire/guida-menu.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/la-noire/guida-caso-23.php on line 1

Warning: include(): Failed opening '/home/gtaser/my_domains/lanoire/www/it/la-noire/guida-menu.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php') in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/la-noire/guida-caso-23.php on line 1

La città nuda

The Naked City
Dipartimento: Narcotici - Divisione di Hollywood | Indizi: 16 | Domande: 16 | 100%: No

Julia Randall, una giovane e bellissima indossatrice, viene trovata morta nella sua vasca da bagno. Per la Omicidi si tratta di un classico caso di suicidio, la tragica fine di una sfavillante vita mondana, ma il coroner Malcolm Carruthers non è convinto. E' compito dei detective esaminare la scena del crimine e determinare quale dei suoi tanti visi ha ucciso la signorina Randall...

Archibald: C'è un 187 al 5810 di Mirada Avenue. La Omicidi chiede la vostra presenza. Il coroner pensa che la donna sia stata uccisa con la morfina dell'esercito... non dire niente, Roy. Vai lì e basta.

Concluso l'ennesimo brevissimo briefing riceveremo l'obiettivo investiga sulla scena del crimine e l'indizio morfina. Usciamo dunque dall'ufficio di Archibald Colmyer e raggiungiamo la nostra auto con la quale dovremo raggiungere la scena del crimine su Mirada Avenue. Dal punto di partenza andiamo a destra in modo da uscire su Wilcox Avenue e precorriamo la strada verso sud sino a Fountain Avenue - il secondo incrocio. Qui giriamo a sinistra e proseguiamo dritti finché la strada ce lo consente, ossia l'incrocio con Bronson Avenue. Qui ci sarà sufficente fare un rapido movimento destra/sinistra per immetterci su Mirada Avenue e raggiungere la scena del crimine.

Una volta scesi dall'auto entriamo nell'edificio ed esaminiamo a sinistra, dopo l'ingresso ma prima delle scale, il cestino della spazzatura in modo da trovare una fiala di morfina dell'esercito. Fatto questo raggiungiamo le scale, saliamo di un piano e raggiungiamo la porta in fondo dove si attiverà un nuovo filmato.

Cole: Bekowski. Sei entrato alla Omicidi.

Stefan: Ce l'ho fatta. E' bello vederti, Phelps.

Rusty: Volete abbracciarvi o possiamo andare avanti?

Cole: Calmati, Rusty.

Stefan: 26 anni. Indossatrice. L'ha trovata nella vasca la donna delle pulizie, una certa signora Reynoldson. Ha chiamato lei.

Cole: Abbiamo sentito che Carruthers pensa...

Rusty: A Carruthers piace far lavorare la gente. Overdose di sonniferi, si addormenta nella vasca, riposi in pace. Caso chiuso.

Roy: Udite udite!

Stefan: Mal è certo che si tratti di omicidio.

Cole: Ti spiace se do un'occhiata in giro?

Stefan: Sicuro, fai pure.

Concluso il filmato aggiungeremo la Signora Reynoldson tra le persone coinvolte nel caso ed otterremo inoltre l'indizio possibile suicidio. Dall'ingresso andiamo a sinistra ed analizziamo le tre foto sopra il mobile di fianco al giradischi approfondendo l'analisi sulla seconda in modo tale da leggere messaggio dietro la foto aggiornando così l'appartamento di Julia Randall, ottenere l'indizio lavoro da indossatrice e aggiungere l'obiettivo indaga alla boutique D'Assine. Fatto questo percorriamo il corridoio dell'appartamento sino in fondo entrando nella camera da letto a sinistra e qui esaminiamo prima la giacca da camera da uomo appesa sul paravento, poi le pillole ai piedi del letto ed infine il piccolo contenitore sul comodino con la luce accesa che, una volta analizzato a fondo, sbloccherà gli indizi sonniferi e ricetta per benzedrina. Aggiunto anche il Dottor Stoneman alle persone coinvolte nel caso e l'obiettivo indaga allo studio del dottor Stoneman.

Conclusa l'analisi degli indizi in camera da letto, torniamo nel corridoio ed entriamo in bagno dove troveremo il cadavere e Carruthers, il coroner.

Malcolm: Phelps.

Cole: Mal, abbiamo guardato in giro. Rusty pensa che sia una perdita di tempo. La tua teoria?

Roy: Avanti, Mal. Dicci perché ci hai trascinato fin qui.

Malcolm: Se la vittima fosse stata viva quando è entrata nella vasca, avrebbe acqua nei polmoni. Affogando l'acqua viene agitata violentemente nella trachea e genera molta schiuma. In quasi tutti i casi di annegamenti si trova questa schiuma sulla bocca e nelle narici. Notate qualcosa nella nostra vittima?

Cole: Posso dare un'occhiata?

Malcolm: Accomodati.

Concluso il filmato analizziamo il cadavere in modo da vedere sulla mano sinistra un anello con zaffiro nero, sul braccio destro lividi e segni di morsi e infine sul collo dei lividi che indicano più uno strangolamento che annegamento. Conclusa l'analisi, partirà un nuovo filmato.

Malcolm: Gli occhi vitrei sono un chiaro segnale di uso di morfina, e anche i lividi la dicono lunga. Un uomo l'ha tenuta giù e l'altro le ha fatto un'iniezione. L'hanno messa nella vasca per simulare l'annegamento.

Cole: E hanno lasciato in giro i barbiturici...

Malcolm: Date un'occhiata in giro e vedete se riuscite a trovare le fiale. Confermerebbero la mia teoria...

Cole: La morfina avrebbe agito in fretta e lei non si sarebbe opposta a lungo.

Malcolm: OK, allora trovate due tizi che hanno comprato morfina di recente senza essere tossici e sarete sulla buona strada.

Concluso il filmato ed ottenuto l'indizio due sospetti, l'analisi in casa Randall sarà ultimata, ma prima di lasciare l'appartamento dovremo interrogare la donna delle pulizie, la signora Virgina Reynoldson - di cui aggiorneremo lo stato a interrogatorio avviato - seduta al tavolo all'ingresso dell'appartamento.

Cole: Sono il detective Phelps. Sono qui per aiutare Julia. Le spiace rispondere a qualche domanda?

Virginia: Virginia Reynoldson. Sono davvero scioccata. Mi sento come se dovessi fare qualcosa. Chiamare qualcuno...

Cole: Possiamo farlo noi, signora. Chi dobbiamo avvertire?

Virginia: E' questo il punto, non lo so. La signora Julia non ha parenti in città. Qualcuno deve occuparsi dei suoi affari... il signor Henderson, forse? Chi altro c'è? Io... non lo so.

Cole: Se dà i recapiti ai miei colleghi, signora, possono cercare di contattarli.


Domanda: Stato d'animo della vittima

Cole: La signora Randall era depressa per qualche motivo? O arrabbiata?

Virginia: Non più del solito.

Interpretazione: Menzogna

Cole: Cosa sta nascondendo, signora Reynoldson? E' chiaro che Julia era turbata per qualche motivo.

Virginia: Non so di cosa sta parlando.

Prova: Sonniferi

Cole: Stava prendendo dei barbiturici. Non poteva dormire. Li avrà pur visti in camera sua?

Virginia: Ho visto la scatola delle pillole... che cosa ci nascondeva... non so come poteva permettersi quello stile di vita. Sempre vestiti nuovi, gioielli. Viveva come una star, una principessa. Fare l'indossatrice rende davvero tanto?


Domanda: Vita privata della vittima

Cole: La signorina Randall riceveva molte visite?

Virginia: Non ne sono certa. Vengo solo due volte alla settimana.

Interpretazione: Menzogna

Cole: Perché sta mentendo, signora Reynoldson? Julia ospitava degli uomini, qui.

Virginia: Non voglio parlare male dei morti. Non può dimostrarlo.

Prova: Giacca da camera da uomo

Cole: Di chi è la giacca da uomo?

Virginia: Non mi piace raccontare gli affari altrui, cerchi di capire. Quella giacca è del signor Henderson. Anziano, molto distinto. Sembrava molto innamorato di lei.

Cole: Dove possiamo trovarlo?

Virginia: Mi spiace, non lo so. Diceva di vivere a San Francisco.


Domanda: Relazione con la vittima

Cole: Come si trovava a lavorare per la signorina Randall?

Virginia: Benissimo, agente.

Interpretazione: Dubbio

Cole: Signora Reynoldson, sembra che lei voglia dirmi qualcosa.

Virginia: Era molto volubile. Un momento era adorabile, un minuto dopo ti urlava in faccia. Voleva tutto e non aveva la pazienza di aspettare. Naturalmente, bella com'era, sembrava destinata a ottenere quel che desiderava... alla fine non è andata così, vero?

Cole: Grazie, signora Reynoldson. E' stata di grande aiuto. Uno degli altri detective raccoglierà la sua deposizione e poi potrà andare a casa.

Concluso l'interrogatorio aggiungere il misterioso Signor Henderson tra i sospetti, ottenendo inoltre l'indizio dichiarazioni della governante. Lasciamo dunque casa di Julia Randall. Una volta fuori si attiverà un brevissimo filmato.

Cole: Stefan, Rusty, noi diamo un'occhiata in giro, poi seguiremo le nostre piste. Potete affidare a qualcuno quella giacca?

Conclusi i "saluti", usciamo dall'edificio e torniamo in auto per raggiungere lo studio del dottor Stoneman, su Ivar Avenue. Saliamo in auto, ffacciamo una inversione di marcia e usciamo su Bronson Avenue da percorrere in direzione nord sino all'incrocio con la Sunset. Qui andiamo a sinistra e proseguiamo dritti sino a Ivar Avenue dove dovremo girare a destra. Da qui non ci resta che proseguire in direzione nord e raggiungeremo lo studio del dottore. Giunti sul luogo e scesi dall'auto entriamo nell'edificio ed esaminiamo la tabella a destra in modo da individuare lo studio del dottore all'interno 505 - quinto piano, quinta porta. Prendiamo dunque l'ascensore in fondo e una volta ultimata la salita, andiamo dritti di fronte a noi entrando così all'interno dello studio.

Assistente: Sì, signore. Il suo nome?

Cole: LAPD. Dobbiamo vedere il dottor Stoneman.

Assistente: Il dottor Stoneman è con un paziente. Vi dispiace aspettare?

Cole: Sì, ci spiace. Gli dica che gli vogliamo parlare subito.

Assistente: Non c'è bisogno di essere scortesi.

Cole: Vogliamo muoverci?

Assistente: Dottor Stoneman, alcuni signori della polizia vogliono vederla.

Harold: Li faccia entrare, prego. Continuerò con il paziente dopo che se ne saranno andati.

Conclusa la comunicazione all'interfono, lasciamo la segretaria ed entriamo nell'ufficio del dottore.

Cole: Dottor Stoneman, stiamo indagando sulla morte di una sua paziente. Julia Randall.

Harold: Che brutta notizia.

Cole: Le spiace se le facciamo qualche domanda sulla signorina Randall?

Harold: No, sempre che questo non comprometta il segreto professionale, detective.

Concluse introduzioni e presentazioni, sarà il momento di interrogare il medico curante di Julia.

Domanda: Relazione con la vittima

Cole: Conosceva bene la signorina Randall?

Harold: La conoscevo appena. Era una mia paziente da solo sei mesi.

Interpretazione: Menzogna

Cole: Julia Randall è stata sua paziente per quasi un anno. Sono certo che sa qualcosa.

Harold: Mette in dubbio la mia parola, detective? Per caso ha accesso alle cartelle cliniche?

Prova: Ricetta per benzedrina

Cole: Le sue ricette la contraddicono, dottore.

Harold: La signorina Randall era nella moda, come probabilmente saprete. Di giorno si tirava su con la benzedrina, di notte si stordiva con i narcotici. Le ho detto di calmarsi, ma non ha voluto. La vita per lei era sempre troppo breve.

Cole: E così le ha prescritto la benzedrina.

Harold: Non è illegale, detective. Molte giovani donne nella sua professione la usano per dimagrire.


Domanda: Farmaci aggiuntivi

Cole: Lei ha dato a Julia Randall una ricetta per la benzedrina. Come lo giustifica?

Harold: La signorina Randall lavorava nel campo della moda. Voleva controllare il suo peso.

Interpretazione: Dubbio

Cole: La benzedrina dà assuefazione... come lei sa bene, dottore.

Harold: L'avevo avvertita. Ma era decisa. Diceva che doveva controllare l'appetito.

Cole: Sembra che la conoscesse molto bene.

Harold: So come funziona quel mondo.


Cole: Per ora è tutto, dottor Stoneman. Ci terremo in contatto.

Concluso l'interrogatorio usciamo dall'ufficio del dottore, torniamo in auto e settiamo come destinazione il negozio D'assine, al 6582 di Hollywood Boulevard. Dal punto di partenza, eseguiamo una inversione a U e all'incrocio giriamo a sinistra proseguendo poi dritti sino al negozio. Raggiunta la destinazione entriamo nel negozio d'abbigliamento e procediamo con gli interrogatori.

Celia: Ehi, buongiorno. Come posso aiutarvi?

Cole: LAPD, signora.

Celia: Spero di non aver fatto nulla di male.

Cole: No signora. Stiamo cercando informazioni su Julia Randall. Lavora qui?

Celia: No, ho dovuto mandarla via. E' nei guai?

Cole: E' stata trovata morta stamattina.


Domanda: Impieghi precedenti della vittima

Cole: Per quanto tempo Julia ha lavorato come modella?

Celia: Prima di venire qui aveva lavorato a New York. Era una ragazza molto bella.

Interpretazione: Verità

Cole: Ci può dire perché ha licenziato la signorina Randall?

Celia: Talvolta i mariti vengono qui con le mogli. Quando Julia Randall faceva la modella, molti uomini si interessavano più a lei che ai vestiti. Le mogli non ne erano affatto contente, e io neppure.


Cole: Aveva delle amiche intime, qui?

Celia: In effetti, sì. Heather Swanson. Vuole parlare con lei?

Cole: Mi piacerebbe molto. Per favore, non la informi della morte della signorina Randall.

Celia: Molto bene, agente.

Concluso il breve interrogatorio aggiungeremo la proprietaria di D'Assine e Heather Swanson tra le persone coinvolte nel caso.

Celia: Heather? Questi signori sono della polizia.

Cole: Sono il detective Phelps, e questo è il detective Earle. Mi pare di capire che ha lavorato con Julia Randall, signorina Swanson?

Heather: Sì. Julia mi ha aiutato a trovare lavoro qui. Non si è messa nei guai, vero?

Cole: E' un bel peperino, non è vero? Le piace la bella vita...

Heather: Oh, no. Forse la signora Stanley direbbe così, io no di certo. E' così piena di vita... un'amica meravigliosa.

Cole: Ha un bell'anello di fidanzamento.

Heather: Le piace? Me l'ha dato Henry.

Cole: Gli anelli di fidanzamento mi interessano molto. Le spiace se gli do un'occhiata da vicino?

Heather a questo punto si toglierà l'anello dandolo a Cole, cosa che attiverà un indizio nuovo.

Cole: Una bellissima perla, signorina Swanson. Sarà costata una fortuna. Henry dev'essere molto innamorato.


Domanda: Relazione con la vittima

Cole: Come ha conosciuto Julia?

Heather: Me l'ha presentata il mio fidanzato, Henry Arnett.

Interpretazione: Verità

Cole: Henry è il suo ragazzo? Ci parli di lui.

Heather: Sì. Henry ha un negozio di moda. Lui e Julia sono amici da anni.

Domanda: Informata sul "signor Henderson"

Cole: La signorina Randall e il signor Henderson sono fidanzati?

Heather: E chi sarebbe?

Interpretazione: Verità

Cole: Julia aveva un anello di fidanzamento di zaffiro. Qualcuno deve pur averglielo dato.

Heather: Non mi ha mai parlato di un uomo di nome Henderson.

Cole: Per adesso è tutto, signorina Swanson. Può chiedere al suo fidanzato di passare dalla stazione di polizia di Hollywood? Ci sarebbe utile parlargli.

Heather: No, aspetti un momento. Non credo che gli riferirà il messaggio finché non mi avrà detto perché sta facendo tutte queste domande.

Cole: Julia Randall è stata trovata morta questa mattina.

Heather: Cosa? Oh... oh, no! Non posso crederci. Era così piena di vita.

Aggiunto l'anello con perla agli indizi ed Henry Arnett tra le persone coinvolte nel caso, raggiungiamo il gamwell in modo tale da parlare con il coroner ottenendo così il luogo pronto soccorso di Hollywood e l'obiettivo indaga all'obitorio di Hollywood. Conclusa la chiamata saliamo dunque in auto, invertiamo la marcia e giriamo al secondo incrocio a destra, Wilcox Avenue. Da qui non dovremo far altro che proseguire dritti in direzione sud sino alla stazione di polizia - il pronto soccorso si trova di fronte. Giunti sul posto andiamo a destra e subito dopo a sinistra entrando così nella sala delle autopsie per parlare con il coroner.

Malcolm: Cole, Roy. Ho qualche informazione per voi.

Roy: Tu sei l'unico che si sta divertendo, Mal. Vieni al punto.

Malcolm: I lividi confermano l'intervento di quattro mani. Abbiamo dunque due assassini. Morte causata da arresto cardiaco dovuto a un'overdose di morfina.

Roy: Ci hai fatto venire qui solo per vantarti? Sapevamo già che questa era la tua teoria.

Malcolm: Siamo tutti d'accordo che è stata uccisa, no?

Cole: Si, naturalmente.

Malcolm: Ho qualcos'altro da mostrarvi.

Roy: OK, Mal. Allora?

Malcolm: Il morto si chiama Jimmy Leblanc. Ladro di professione. E' arrivato stamattina: qualcuno gli ha sfondato la testa con un pezzo di legno.

Roy: E allora? Meglio così.

Malcolm: Nella tasca della giacca aveva due fiale.

Roy: Wow.

Cole: Aspetta un minuto, Roy. Continua, Mal.

Malcolm: Nessun segno di uso di morfina e niente metaboliti nel sangue. Però ha dei graffi sulla faccia.

Roy: Che dovrebbero derivare dal fatto che gli hanno spaccato la testa.

Cole: Quando è morto, Mal?

Malcolm: Forse un'ora o due dopo la Randall.

Roy: Quindi stai dicendo che Bel Sorriso, qui, potrebbe essere uno degli assassini? Una congettura fantasiosa.

Cole: Grazie, Mal. Faremo le nostre verifiche.

Malcolm: Ho trovato qualcos'altro.

Conclusa la discussione otterremo l'omicidio come nuovo indizio e Jimmy Leblanc tra le persone coinvolte nel caso. Raggiungiamo poi il bancone illuminato di fianco a Mal in modo tale da esaminare un'armonica Hohner Comet rossa. Conclusa l'analisi scatterà un secondo filmato che si aprirà con il suono del telefono.

Malcolm: Carruthers. Sì, è qui. Te li mando subito. C'è un tizio per te, Henry Arnett, nella saletta interrogatori numero 2 - la porta accanto. Fammi sapere come va.

Cole: Certo, Mal, e grazie per la dritta.

Roy: "Certo, Mal, grazie per la dritta..."

Concluso il filmato ed ottenuti il luogo stazione di polizia di Hollywood e l'obiettivo interroga Henry Arnett, usciamo dal pronto soccorso ed entriamo nella stazione di polizia di fronte. Una volta dentro, andiamo a destra nella sala interrogatori 2 e mettiamo sotto torchio il fidanzato di Heather Swanson.

Cole: Signor Arnett. Sono il detectivo Phelps, e questo è il detective Earle. Grazie per essere venuto.

Henry: Mi chiami Henry. E' il menoc he potessi fare... che terribile notizia, povera Julia...


Domanda: Relazione con la vittima

Cole: Conosceva bene Julia Randall?

Henry: Non proprio. Io mi occupo di abiti e occasionalmente Julia lavorava come indossatrice per me.

Interpretazione: Dubbio

Roy: Ti sta chiedendo se per caso te la scopavi, così, in modo amichevole, con una pacca sulla spalla.

Henry: Sono fidanzato e sto per sposarmi. Non sarebbe educato...

Cole: Risponda alla domanda.

Henry: Questa conversazione resterà privata? Heather non verrà a saperlo? Sì, avevamo una relazione.


Domanda: Informato sul "signor Henderson"

Cole: La domestica della signorina Randall ci ha detto che vedeva un uomo più anziano.

Henry: Potrebbe darsi. Non conosco tutti i dettagli della sua vita privata.

Interpretazione: Menzogna

Cole: Henry, non mi piace quando la gente mi racconta frottole. Lei vedeva un uomo di nome Henderson. Lei sa di chi sto parlando.

Henry: Calma, detective. Ho sentito parlare di Henderson, ma non conosco il suo nome completo. Dev'essere di New York o comunque della costa orientale.

Prova: Dichiarazioni della governante

Cole: Buffo. Julia ha detto alla sua domestica che viveva a San Francisco.

Henry: OK, lo ammetto. Non so di dove sia originario. Julia voleva soldi. Lei voleva sempre soldi. Pensava di poterli prendere da questo tizio.

Cole: Aveva un anello di fidanzamento molto particolare. Pensa che se lo sia fatto comprare da lui?

Henry: Forse sì, chissà. Forse lui e Julia cominciavano a fare sul serio.


Domanda: Leblanc, sospetto di furto con scasso

Cole: Mai sentito parlare di un certo Jimmy Leblanc?

Henry: No. Dovre? E' un artista o qualcosa di simile?

Interpretazione: Dubbio

Cole: Perciò non ha alcuna ragione di credere che Leblanc sia coinvolo nell'omicidio di Julia Randall?

Henry: Se questo tizio è un criminale, potrebbe essere coinvolto. Come ho detto, però, non ho mai sentito parlare di un Leblanc.


Cole: Heather ci ha detto che lei si occupa di moda?

Henry: Esatto.

Oltre a rispondere, Arnett darà a Phelps anche il suo biglietto da visita che dovremo esaminare.

Cole: Quindi è una specie di commesso viaggiatore?

Henry: Una volta uscito dal Corpo io...

Cole: Era nei marine?

Henry: Certo, e ne sono fiero. Nel Sesto.

Cole: Era nel Sesto Reggimento dei marine?

Henry: Sì. Ero capitano.

Cole: In quale compagnia?

Henry: Ah... diverse. Abbiamo avuto molte perdite.

Cole: In quali scontri?

Henry: Okinawa. Un paio di altri posti.

Cole: Per ora è tutto, Henry. Lei ci è stato di grande aiuto.

L'interrogatorio a questo punto si concluderà, ma il filmato continuerà mostrando nuove scene ed informazioni.

Roy: Quel figlio di puttana non è mai stato nei marine... perché l'hai lasciato andare?

Cole: Perché gli stiamo dando un paio di minuti prima di cominciare a pedinarlo. Arnett è un dilettante. Dobbiamo scoprire chi ha ucciso la ragazza. Puoi passarlo [biglietto da visita di Arnett] a Bekowsky? Digli di andare a fare un giro sul posto e di verificare in archivio.

Frank: Certo. Glielo dirò.

Cole: Grazie. Puoi anche chiedere all'archivio di cercare il nome Jimmy Leblanc e vedere chi è stato l'ultimo agente che l'ha arrestato? Possono contattarmi con la KGPL quando hanno le informazioni.

La scena andrà a nero per poi riaprirsi bel parcheggio mostrando Cole e Roy pronti per il pedinamento.

Roy: E' in quella macchina, al semaforo.

Ottenuto l'obiettivo pedina Henry Arnett mettiamoci in moto, inquadriamo il veicolo avorio del nostro sospetto e seguiamolo tenendo una mezza dozzina di auto di distanza tra lui e noi in modo da non farci notare. Il giro che ci farà fare Arnett sarà parecchio lungo, diversi minuti di guida per giungere su Santa Monica Boulevard, tra Bronson e Van Ness Avenue, in un negozio di pegni. Ultimato l'inseguimento in auto ci sarà un secondo inseguimento a piedi che scatterà dopo un breve filmato.

Cole: Gli servono soldi, e in fretta. Entra e scopri che cos'ha impegnato. Io resto con lui. Cerco di capire a cosa gli servono i soldi.

Concluso il filmato ed aggiunto il monte dei pegni tra i luoghi di questo caso, scendiamo dall'auto e inseguiamo Arnett restando sul marciapiede opposto al suo. In fondo alla marciapiede, a pochi passi dall'incrocio, si trova una edicola con cui interagire in modo tale da entrare in modalità incognito. Fatto questo teniamo sotto controllo Arnett che attraverserà prima Van Ness Avenue e successivamente Santa Monica Boulevard mettendosi così sullo stesso lato del marciapiede da noi battuto. Attraversate le due strade lasciamo ad Arnett una decina di metri di vantaggio, dopodiché sganciamoci dalla modalità incognito e inseguiamolo. Raggiunto l'edificio nero e blu Arnett girerà a destra, facciamo dunque una rapida corsa e raggiungiamo l'uomo che entrerà all'interno di un'agenzia di viaggi.

Henry: Esatto, Città del Messico. Un biglietto di sola andata, prego. Il primo posto disponibile.

Commesso: Non partirà prima di domani. Va bene?

Henry: Non posso che adeguarmi.

Dopo aver aspettato l'uscita di Arnett, Cole si lancerà dentro il negozio per ottenere informazioni.

Cole: LAPD. L'uomo che è appena entrato ha comprato un biglietto?

Commesso: Sì, signore. Per Città del Messico, parte domani notte.

Cole: Se lo vede ancora, non faccia menzione di questa conversazione.

Ottenuta l'informazione Cole uscirà dall'agenzia di viaggi incontrandosi con Roy.

Roy: Che cosa abbiamo?

Cole: Ha comprato un biglietto per Città del Messico. Domani notte.

Roy: Bene, ma questo è ancora meglio.

Concluso il filmato aggiungeremo l'agenzia di viaggi Ao-Kuewa tra i luoghi del caso e il biglietto del treno tra gli indizi. Oltre a questo otteremo da Roy anche un portasigarette di Fabergé del valore di circa 10.000 dollari che Arnett si è fatto pagare seicento dollari. Ottenuti luoghi ed indizi usciamo dal parcheggio e attraversiamo Santa Monica Boulevard in modo da raggiungere la cabina telefonica sul lato opposto della strada. Attraverso un messaggio di Bekowski e Galloway otterremo l'obiettivo torna alla stazione di polizia mentre chiedendo di Leblanc sapremo che l'agente che lo ha arrestato è Fred Wallis, di pattuglia ad Hollywood tra Gordon e Wilcox.

Ottenuto il percorso di pattuglia 9 e l'obiettivo incontra l'agente Wallis, saliamo in auto e raggiungiamo l'ultima posizione nota di Wallis, l'incrocio tra Sunset Boulevard e Gordon Street. Dal punto di partenza usciamo dal parcheggio e giriamo a sinistra. Proseguiamo su Santa Monica Boulevard per due incroci e giriamo al terzo a destra in modo tale da raggiungere Gordon Street. Giunti sul posto si attiverà un breve filmato in cui vedremo due criminali scappare, Wallis correre dietro di loro e Cole fermarsi per dare man forte e piè veloce all'agente di polizia.

Roy: Coraggio. Diamogli una mano.

Cole: Dietro di te, Wallis! Detective Phelps.

Concluso il filmato saremo armati e in corsa dietro i criminali. Giriamo subito a destra e spariamo in modo tale da mandare a terra il criminale. Fatto questo continuiamo a correre girando poi a sinistra e da qui attraversiamo il parcheggio in modo da raggiungere il secondo uomo che stava seguendo l'agente di pattuglia. La rincorsa si concluderà in un cantiere dove troveremo altri tre criminali da mandare a terra. Le posizioni dei nemici cambiano di continuo a seconda della posizione nostra e dei nostri due compagni di sparatoria. Una volta messi a terra - per successiva sepoltura - i tre criminali, si attiverà un filmato in cui parleremo con l'agente di polizia.

Fred: Grazie. C'era un ordine di arresto. Rapina a mano armata. Si è fatto una farmacia poco lontano, portando con sé tutta la banda. Gli è andata male.

Roy: Sono tutti tuoi, adesso. Ci serve qualche informazione.

Cole: Conosci un ladro, un topo d'appartamento, di nome Jimmy Leblanc?

Fred: Certo. L'ho arrestato un paio d'anni fa. Avevano sfondato il muro di un negozio di musica per entrare in una gioielleria. Si è preso quattro anni. Il suo socio m'è sfuggito, però.

Cole: Aveva un socio?

Fred: Un tizio grosso. L'avevo messo all'angolo, ma ha sollevato uno scaffale enorme e ha sfondato una finestra di vetro rinforzato. Poi è stato fuori come se fossimo stati al circo Barnum.

Cole: E' fuggito.

Fred: L'avrei beccato, ma Leblanc gli ha gridato, "Scappa Willy!".

Cole: E pensi che fosse un acrobata o roba del genere?

Fred: Più che altro un forzuto. Un lottatore, un pugile, una cosa del genere.

Cole: Grazie. Ci sei stato di grande aiuto.

Fred: Anche lei non è stato niente male.

Concluso il filmato ed aggiunto Willy alla lista dei sospetti, saliamo in auto e dirigiamoci alla stazione di polizia dove Stefan e Rusty ci aspettano. Da Gordon Avenue, dove ci troviamo, proseguiamo dritti sino al primo vicolo a destra, percorriamolo sino all'incrocio con Gower Street e qui eseguiamo una rapida doppia curva prima a sinistra e poi a destra in modo da immetterci su De Longpre Avenue. Da qui, non dovremo far altro che proseguire dritti sino alla stazione di polizia dove si attiverà un nuovo filmato.

Stefan: Abbiamo parlato con Mal. Ci ha raccontato di Leblanc.

Cole: Eseguiva furti con scasso insieme a un ragazzone di nome Willy. Il nostro killer potrebbe essere lui. Potete verificare le palestre di boxe, il YMCA, gli agenti, cose del genere?

Rusty: Da quando hai cominciato a dare ordini, Phelps? E che c'entra il furto con scasso? Non c'era segno di...

Cole: E' qui che entra in gioco Arnett. Dobbiamo farci dare da Lacey una lista dei furti con scasso comessi di recente.

Stefan: Quel tipo è un truffatore. Il suo ufficio è una copertura, da un po' non paga l'affitto e le bollette.

Cole: E vuole lasciare la città domani.

Rusty: Becchiamolo e facciamolo confessare a sganassoni.

Cole: Vuoi catturare l'assassino, Rusty?

Rusty: Talvolta sei fin troppo intelligente per il tuo bene, Phelps. Ne abbiamo parlato, vero, Roy? Stefan.

Stefan: Finbarr.

Dopo aver salutato, Bekowski e Galloway andranno via, mentre Phelps raggiungerà il Comandante di guardia della stazione.

Cole: Signore, mi serve la lista di tutti gli oggetti rubati da un anno a questa parte.

Frank: Un attimo. Vi cerco una copia. Eccola qua.

Cole: Grazie.

Concluso il filmato otterremo la lista e l'obiettivo esamina la lista dei furti recenti. Una volta entrati in modalità analisi tocchiamo con il dito la seconda riga (Fabergé Gold Cigarette Case), la terza riga (Black Sapphire Ring), l'ottava riga (Silver Pill Box) e la diciottesima riga, la penultima (Pearl Ring). Toccate le quattro righe aggiungeremo la lista di oggetti rubati agli indizi e la signora Evestrom alle persone coinvolte nel caso. Oltre a tutto questo otterremo anche un nuovo obiettivo, indaga a casa Evestrom, usciamo dunque dalla stazione di polizia e saliamo in auto per poi dirigerci al 1008 di North Kingsley Drive. Dal punto di partenza usciamo a destra su Wilcox Avenue e seguiamo la strada in direzione sud sino alla curva obbligatoria a sinistra che ci immetterà su Santa Monica Boulevard. Proseguiamo sulla via per un bel po', dovremo quasi raggiungre la fine, la via tra Hobard Boulevard e Ardmore Avenue, ossia Kingsley Drive.

Roy: Bella casa.

Cole: LAPD, signora. E' in casa la signora Evestrom?

Maria: Sì. Vuole seguirmi, signore?

Beverly: Io sono la signora Evestrom. Come posso aiutarla?

Cole: Sembra che abbiamo recuperato alcuni degli oggetti che le appartengono, signora.

Beverly: Sì, naturalmente. Quell'orribile furto... le andrebbe qualcosa da bere?

Cole: No, grazie, signora. Abbiamo qualche domanda, se non le spiace.

Beverly: Perché dovrebbe dispiacermi, giovanotto, quando mi stata restituendo 43 pezzi di mia proprietà.

Roy: OK, prima di entrare nei dettagli, prenderò uno scotch, grazie. Liscio.

Beverly: Maria, puoi preparare un drink per il detective, per favore?


Domanda: Lista di oggetti rubati

Cole: Ci può descrivere gli oggetti rubati?

Beverly: Farei prima a dire quello che non è stato rubato, detective. Una tiara inestimabile che apparteneva alla mia famiglia da 50 anni, un portasigarette di Fabergé del valore di 25.000 dollari...

Interpretazione: Menzogna

Cole: Perché sta mentendo sul valore dei suoi gioielli, signora Evestrom?

Beverly: Chi pensa di essere, per accusarmi nella mia stessa casa?

Prova: Portasigarette di Fabergé

Cole: Abbiamo recuperato il portasigarette da un monte dei pegni. Nessuno conosce il valore reale di un oggetto meglio di quella gente.

Beverly: Ho gonfiato il suo valore per l'assicurazione. Ecco. E' soddisfatto? Il ragazzo di mia figlia adorava quel portasigarette. Penso che sia rimasto ancora più deluso di me quando l'hanno rubato.


Domanda: Rapporto sul furto con scasso

Cole: Cosa ci può dire del furto?

Beverly: Che notte terribile. E' passato almeno un anno. Ma non parliamone. Parliamo di ciò che avete recuperato.

Interpretazione: Verità

Cole: Era in casa quando è successo?

Beverly: Santo cielo, no! Ero a un evento sociale organizzato dal dottor Harold Stoneman e dalla sua splendida moglie. Tornata a casa ho scoperto che le mie cose erano sparite.


Cole: Per adesso è tutto, signora Evestrom. Il dipartimento si metterà in contatto con lei e le farà sapere come può recuperare i suoi preziosi.

Beverly: Ha menzionato solo alcuni degli oggetti rubati, detective. Cos'altro è stato recuperato?

Roy: Vedi, Phelps? E' per questo che i drink vanno chiesti subito.

Concluso l'interrogatorio e quasi lasciata la villa, verremo raggiunti da Heather Swanson che si rivelerà essere la figlia di Beverly Evestrom.

Heather: Ciao, mamma... buongiorno, detective. Cosa succede?

Cole: Vorremmo farle la stessa, identica domanda.

Beverly: Ha conosciuto mia figlia?

Heather: Questa mattina, al lavoro. Oh... mamma e papà hanno divorziato. Io ho tenuto il nome di mio padre.

Beverly: I detective hanno recuperato alcuni degli oggetti rubati, cara.

Heather: Cosa avete trovato?

Cole: Un anello con zaffiro, sul corpo di Julia Randall.

Heather: Cosa sta dicendo?

Cole: Il suo anello di fidanzamento, signorina Swanson... la stupirebbe sapere che è parte della refurtiva di un furto con scasso?

Heather: E' un'accusa scandalosa!

Cole: Sì, è così. Suggerisco di andare immediatamente da Henry Arnett per chiarire l'intera faccenda.

Ultimato il filmato ci troveremo in auto con a fianco Roy e dietro Heather ed il compito di raggiungere la casa di Henry Arnett. Una volta in moto usciamo girando a destra e proseguiamo dritti sino all'incrocio con Santa Monica Boulevard. Qui andiamo a sinistra e proseguiamo dritti sino alla fine della strada che ci obbligherà a girare a destra, su Wilcox Boulevard. Da qui proseguiamo dritti in diirezione nord per cinque incroci girando poi al sesto a sinistra in modo da percorrere Hollywood Boulevard. Dopo esserci immessi sulla Hollywood, giriamo a destra al secondo incrocio in modo da raggiungere Yucca Street e l'appartamento di Arnett.

Portiere: Benvenuto, signore. Scusi... lei abita qui?

Cole: LAPD, siamo detective. Dobbiamo parlare con Henry Arnett.

Portiere: Oh. Uh... il signor Arnett. Appartamento 30. Potete prendere l'ascensore.

Cole: Grazie.

Conclusa la discussione con il portiere avviciniamoci all'ascensore sulla sinistra in modo da raggiungere il piano dove si trova l'appartamento di Arnett. Ultimato il viaggio in ascensore Cole e Roy si avvicineranno all'appartemento di Roy udendo al suo interno dei suoni preoccupanti. Dopo aver sfondato la porta, Cole vedrà Arnett a terra ed un uomo fuggire fuori dal balcone.

Cole: Fermo. LAPD!

Cole: Non ucciderlo, Cole! Da questo tizio dipende tutto il caso.

Ultimato il filmato ed ottenuti i comandi, dovremo arrestare il sospetto. Usciamo dunque dalla finestra, scendiamo le scale anticendio e una volta giù risaliamo su di un tetto utilizzando una grandaia. Una volta in cima raggiungiamo la trave e facciamoci stendere a terra dal sospettato con una bastonata tra capo e schiena. La scena si riaprirà in casa Arnett con Cole seduto ad un tavolo ma visibilmente provato, mentre Arnett sarà steso sul divano con la testa sulle gambe di Heather.

Roy: Te le ha date di santa ragione, Phelps.

Cole: Sì, me le ha proprio suonate. Come ho fatto a tornare qui?

Roy: Sulle tue gambe, miracolosamente. Sei entrato dalla finestra, hai detto ciao e ti sei accasciato.

Cole: E come sta Arnett?

Roy: Anche lui si sta riprendendo. E' strafatto. Un ottimo momento per tirargli fuori qualche risposta.

Cole: Ti manca qualcosa, Henry?

Concluso il filmato dovremo indagare in casa di Arnett. Interagiamo dunque con la valigia di Henry in modo tale da esaminare al suo interno un orologio Vacheron Constantin e un biglietto del treno da Los Angeles a Città del Messico. Conclusa l'anasili lasciamo la valigia e sediamoci di fronte ad Arnet per dare inizio all'interrogatorio.

Domanda: Giro di ladri professionisti

Cole: Sappiamo tutto dei suoi affari. Lei lavorava con la Randall, Leblanc e Willy facevano il lavoro sporco.

Henry: Io mi occupo di moda.

Interpretazione: Menzogna

Cole: Sta mentendo, Henry.

Henry: Come può dimostrare che sono coinvolto, detective?

Prova: Portasigarette di Fabergé

Cole: Perché oggi ha impegnato un portasigarette di Fabergé per 600 dollari. Un oggetto che fa parte di una lista di articoli rubati.

Henry: E' stata un'idea di Julia. Compilare una lista di eventi di società, scoprire gli appuntamenti e i partecipanti, rapinare le case vuote. Julia aveva bisogno di soldi... non importa quanti ne facevamo, ne voleva sempre di più.


Domanda: Movente per l'omicidio di Julia Randall

Cole: Perché Reade e Leblanc hanno ucciso Julia Randall?

Henry: Io volevo smettere, farla finita con quella vita. Avrei sposato Heather se lei l'avesse voluto. Julia ha detto agli altri che erano fuori, che avrebbe creato una nuova banda.

Interpretazione: Menzogna

Cole: Sta mentendo, Arnett. Secondo me ha ordinato lei di ucciderla. Voleva che sembrasse un suicidio, e quando il coroner ha capito che non era così ha pensato di squagliarsela.

Henry: Ho ammesso di essere coinvolto nei furti. Non ho avuto nulla a che fare con la morte di Julia. Perché sarei dovuto scappare?

Prova: Biglietto del treno

Cole: Ha detto alla signorina Swanson che sta partendo per Città del Messico domani notte? Che ha un biglietto di sola andata?

Heather: Henry? Dimmi che non è vero.

Henry: Non avevo scelta. Volevo sposare Heather. Ho detto a Julia che volevo smettere e lei mi ha riso in faccia. Ho dovuto pagare una fortuna a Willy e Jimmy per farla fuori e ora sono al verde.

Roy: Sbagliato, verme. Sei in arresto.


Domanda: Identità del "signor Henderson"

Cole: Chi è Henderson e in che modo è coinvolto.

Heather: Di' loro tutto quello che sai, Henry. Io sarò al tuo fianco se dirai la verità.

Henry: Non esiste alcun Henderson.

Interpretazione: Menzogna

Cole: Mi dica del suo primo furto e niente bugie.

Henry: Non ricordo. Non tengo mica una lista.

Prova: Lista di oggetti rubati

Cole: Il suo primo furto è stato a casa del dottor Harold Stoneman. Vuole spiegare com'è coinvolto o lo faccio io?

Henry: Henderson è Stoneman. Era pazzo di Julia. Lei poteva fargli tutto quello che voleva. Lui dava le feste e noi organizzavamo i furti. Julia non gli ha mai permesso di toccarla. Continuava a fargli balenare la possibilità. Il povero dottore è quasi impazzito.

Cole: Henry Arnett, lei è in arresto per furto e per l'omicidio di Julia Randall.

Henry: Henderson è Stoneman. OK? Non sono io quello che vuole. Vada a parlare al buon dottore.

Roy: Oh, lo faremo, testa di legno. Nel frattempo ti mettiamo in un pigiama a righe.

Aggiornata lo stato del Signor Henderson al termine dell'interrogatorio ed arrestato Henry, si attiverà nuovamente lo studio del dottor Stoneman in modo tale da farci ottenere l'obiettivo interroga il Dr. Stoneman. Saliamo dunque in auto, facciamo una inversione di marcia e giriamo a destra al primo incrocio per poi effettuare una curva a sinistra in modo da immetterci su Hollywood Boulevard. Da qui non dovremo fare altro che proseguire per tre incroci e girare a destra al quarto in modo tale da raggiungere nuovamente l'ufficio del dottore. Giunti sul posto e scesi dall'auto raggiungiamo l'ascensore e una volta in cima entriamo all'interno dell'ufficio del dottor Stoneman.

Roy: Aspetta un momento, tesoro. Digli che è Henry Arnett. E di' che è urgente.

Assistente: Non posso farlo.

Roy: Fallo o ti accuso di intralcio alla giustizia.

Assistente: Dottore, temo che il signor Arnett sia qui per vederla, dice che è urgente.

Harold: Mandalo dentro.

Conclusa la comunicazione all'interfono Roy e Cole entreranno all'interno dello studio del dottore con quest'ultimo che, convinto di incontrare Arnett, scatterà in avanti infuriato.

Harold: Ti ho detto di non venire mai...

Cole: Ci dica la verità, dottore.

Harold: Sono contento che siate venuti. La prigione sarà sempre meglio della pazzia... e io sono già mezzo impazzito per il dolore. Lo sapete che l'amavo? La mia vita rovinata a causa sua eppure l'amo ancora.

Cole: Testimonierà in tribunale che Arnett e Randall commettevano i furti?

Harold: Li organizzavano. Julia raccoglieva i nomi degli ospiti che mia moglie invitava alle feste. Non importava quanti soldi le facessi guadagnare, non bastavano mai. A lei... non è mai fregato nulla di me.

Cole: Dottore, temo che sia in arresto.

A questo punto il dottore si alzerà dalla sedia con tono dimesso e si riferirà alla sua assistente ferma sulla porta e praticamente in lacrime.

Harold: Lo studio... devi chiamare il dottor Gerard... no, no, no, per favore, non piangere... Non voglio vedere nessuno. Né mia moglie, né i miei figli, né gli amici. E non voglio un avvocato. Rinchiudetemi e buttate via la chiave. Che cos'ho fatto?

Dopo l'ultima frase il dottore si lancerà dalla finestra del suo ufficio atterrando di faccia su di un'auto parcheggiata sotto la finestra, ovviamente morendo sul colpo.

Roy: Questo non me l'aspettavo.

Ultimato il filmato interagiamo con il telefono in modo tale da far giungere una volante ed il coroner per il corpo del dottore. Oltre a questo otterremo anche un messaggio da parte di Bekowski che ci informerà che Willy è Wilson "Willy il Lupo" Reade, un ex-lottatore di wrestling e che dovrebbe trovarsi tra la Hollywood e Vine. Conclusa la chiamata otterremo l'appartamento di Willy come un nuovo luogo, aggiorneremo lo stato di Wilson Reade ed otterremo l'obiettivo rintraccia Willy. Una volta ottenuto tutto lasciamo l'ufficio del dottor e subito dopo l'edificio. Una volta fuori non perdiamo tempo a salire in auto, ma una volta nell'atrio, corriamo dritti di fronte a noi passando tra i due edifici in fondo nel blocco successivo raggiungendo così Vine Street. Giunti sul posto si attiverà un nuovo filmato.

Stefan: E' in uno di questi vicoli. Un tizio grosso. Secondo i vicini, indossa sempre delle scarpe da basket e una giacca color crema. E sentite questa: i ragazzini dicono che suona l'armonica.

Cole: Trova un gamwell e di' al comandante di preparare una retata. L'area dev'essere chiusa al traffico. Noi prendiamo questo lato della strada.

Concluso il filmato andiamo a sinistra, proseguiamo dritti e di nuovo a sinistra nel vicolo - basterà seguire il suono dell'armonia, maggiore sarà il volume, minore la distanza. Giunti sul posto Roy intimerà l'alt, ma per tutta risposta il nostro sospettato lancerà l'armonica e sparerà due colpi con la pistola. Ultimato il filmato otterremo un nuovo obiettivo, arresta Wilson Reade. Molliamo rapidamente il muro dove ci siamo riparati, corriamo all'interno del vicolo e scaliamo la grondaia illuminata dalla luce. Una volta in cima scaliamo il muretto di fronte a noi e successivamente le scalette a sinistra che ci porteranno sotto il cartellone del Capitano Saltee.

Una volta in cima, entriamo all'interno dell'edificio passando dalla finestra e risaliamo le scale sino al tetto. Una volta fuori andiamo a destra e scaliamo il muro utilizzando la grondaia in fondo che, a differenza di tutte quelle scalate sino ad ora, non sarà colorata d'oro ma di grigio. Una volta in cima si attiverà un filmato.

Roy: Aspetta... dev'essere qui intorno da qualche parte. Non può essere scappato, a meno che non abbia le ali. Eccolo! Crivella quel figlio di puttana!

Concluso il filmato, alziamo la pistola, miriamo e facciamo fuori l'assassino di Julie Randall in modo tale da concludere il nostro caso della Narcotici. Ucciso l'uomo, al solito si attiverà un filmato conclusivo dove il nostro lavoro verrà valutato dal tenente.

Archibald: Quel figlio di puttana ha proprio scelto il posto ideale, eh? I genitori di Julia Randall arrivano domani da New York per prendere il corpo. L'ho vista sul tavolo. Così perfetta. Sembrava fatta di porcellana. Mi ha davvero fatto impressione.

Cole: Julia aveva quell'effetto su un sacco di uomini.

Archibald: Cristo, che freddo. Oggi voi ragazzi avete fatto un gran bel lavoro. Roy, secondo me dovresti offrire da bere ai tuoi fratelli poliziotti.

Roy: Davvero? Molto generoso da parte sua, tenente.

Cinque stelle

Ogni caso della storia di L.A. Noire viene valutato dal capo del dipartimento con un voto che può andare da un minimo di una ad un massimo di cinque stelle. Minore sarà il tempo perso e maggiore la precisione nel trovare indizi e fare le domande corrette, migliore sarà la valutazione finale che otterremo. Non esistono tempi specifici o obiettivi minimi, tutto sta nel non compiere errori e nel guidare quanto più correttamente possibile in modo tale da non creare danni alla città, all'auto o alle persone. E' possibile ottenere la valutazione a cinque stelle rigiocando lo stesso caso attraverso l'apposita funzione nel menu alla voce Casi - ovviamente l'opzione sarà attiva solo dopo aver ultimato il caso una prima volta.

La città nuda è senza ombra di dubbio il più lungo caso di LA Noire se si punta alla valutazione a cinque stelle. Molti sono gli interrogatori da portare a compimento, per nostra fortuna tutti abbastanza semplici con menzogne chiare da smascherare. A rendere tutto più complesso ci penserà la scena del crimine iniziale dove sono presenti moltissime piccole prove da controllare. Assicuriamoci dunque di guardare tutte e tre le fotografie e di raccogliere tutti i sonniferi a casa di Julia Randall, sfruttando eventualmente l'intuito o questa guida per individuare ciò che ancora manca da guardare. Finita con la scena del crimine, gli indizi verranno a noi con semplicità.

Video

Qui di seguito potete visionare il video in formato 720p HD della missione - il video è una guida visiva a quanto bisogna fare durante la missione per concluderla al meglio. Il video mostra il completamento della missione con la tattica ideale per ottenere le cinque stelle come valutazione finale del lavoro, il video pertanto mostrerà tutti i filmati, gli indizi, gli interrogatori e le fasi di guida seguendo le strade migliori da percorrere per raggiungere ogni punto di interesse all'interno del caso.



Warning: include(/home/gtaser/my_domains/lanoire/scripts/addthis.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/rewrite_index.php on line 141

Warning: include(): Failed opening '/home/gtaser/my_domains/lanoire/scripts/addthis.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php') in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/rewrite_index.php on line 141

Warning: include(/home/network/public_html/ads-stats-ugo-network/ads-300x250.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/rewrite_index.php on line 143

Warning: include(): Failed opening '/home/network/public_html/ads-stats-ugo-network/ads-300x250.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php') in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/rewrite_index.php on line 143