Warning: include(/home/gtaser/my_domains/lanoire/www/it/la-noire/guida-menu.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/la-noire/guida-caso-25.php on line 1

Warning: include(): Failed opening '/home/gtaser/my_domains/lanoire/www/it/la-noire/guida-menu.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php') in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/la-noire/guida-caso-25.php on line 1

Un mare d'erba

Reefer Madness
Dipartimento: Narcotici - Divisione di Hollywood | Indizi: 13 | Domande: 9 | 100%: No

La Narcotici riceve una soffiata da Freddie Calhoun, un informatore nonché tossico senza speranza. Per una volta Freddie sembra collaborare seriamente, fornendo informazioni su un traffico di marijuana diffuso in tutta la città. Dopo indagini, interrogatori e retate, Phelps ed Earle riescono a risalire ai vertici dell'operazione, in grado di spacciare carichi da 25 kg di droga alla luce del sole.

Archibald: Conoscete un certo Freddie Calhoun?

Roy: Certo che conosco Freddie.

Archibald: Freddie cerca soldi per lasciare la città. Spiffererà quel che sa su un traffico d'erba di prim'ordine. Può...

Roy: Ha detto quanto costerà?

Archibald: 50 dollari.

Roy: E il dipartimento mi anticipa il cinquantone?

Archibald: Puoi metterlo in conto spese. E' al bar di Mike Lyman, sull'Hollywood Boulevard. Vedete cosa riuscite a fare.

Ultimato il filmato di introduzione a questo nuovo DLC di LA Noire otterremo l'obiettivo interroga Freddie Calhoun aggiungendo di conseguenza Freddie Calhoun tra le persone coinvolte nel caso ed il bar di Mike Lyman tra i luoghi che dobbiamo visitare. Registrate tutte le nuove informazioni usciamo dall'ufficio di Colmayer, scendiamo al piano di sotto e raggiungiamo il parcheggio per salire in auto. Aspettiamo che ci raggiunga anche Roy, dopodiché usciamo a destra in modo da immetterci su Wilcox Boulevard in direzione nord. Proseguiamo sulla Wilcox, superando anche la strada in parte bloccata dai camion, per quattro incroci sino a raggiungere quello con Hollywood Boulevard, incrocio dove si trova la nostra destinazione. Giunti sul posto, scendiamo dall'auto e raggiungiamo il retro del locale dove si trova il nostro uomo.

Bar di Mike Lyman


Roy: Eccolo lì il nostro fringuello. Lì sul retro, Cole. Freddie. Ti trovo benone.

Freddie: Mi aiuterai, vero?

Roy: Sono qui per questo.

Freddie: Hai i soldi?

Roy: I 20 dollari? Certo, proprio qui.

Freddie: 20! Ho detto...

Roy: Vuoi i soldi o preferisci l'alternativa?

Cole: Dicci del giro d'erba, Freddie.

Freddie: Lui chi è?

Roy: Un altro buon samaritano. Rispondi alla domanda.

Freddie: L'erba arriva da Tijuana. Importano 25 chili alla settimana.

Roy: 25? Hai le allucinazioni, Freddie?

Freddie: La tengono in una casa al 1452 di North Las Palmas.

Cole: I nomi, Freddie.

Freddie: Il tizio nella casa è un fagiolaro di nome Juan Garcia Cruz. Ma state attenti, gli piacciono le armi. E ora, i miei soldi?

Cole: Fammi un favore, Freddie: comprati un biglietto dell'autobus. Con questo lavoro non camperai a lungo.

Conclusa la discussione con la spia, aggiungeremo al nostro taccuino Juan Garcia Cruz tra le persone coinvolte nel caso e la casa di Juan Garcia Cruz tra i luoghi che dovremo visitare. Ovviamente a tutto questo si aggiungerà l'obiettivo indaga alla residenza dei Cruz. Ottenuto tutto, usciamo dal locale, torniamo in auto e proseguiamo lungo Hollywood Boulevard nella direzione in cui troveremo l'auto, verso ovest. La nostra destinazione è il 1452 di North Las Palmas, una via distante appena un paio di incroci, un paio non per modo di dire, si tratta proprio della seconda via maggiore che incroceremo dopo il punto di partenza. Raggiunto l'incrocio con Las Palmas, poco prima a destra si trova il cinema che proietta il film Detour, giriamo a sinistra e proseguiamo in direzione sud sino alla nostra destinazione.

Casa di Juan Garcia Cruz


Giunti a destinazione Roy e Cole si incammineranno verso casa di Juan, ma quest'ultimo anticiperà i due detective cominciando a sparare con un potente mitragliatore dalla finestra di fianco la porta.

Cole: Chiama i rinforzi, io cerco di vedere se si può entrare.

Ottenuti i comandi e l'obiettivo sconfiggi Juan Garcia Cruz, muoviamoci verso sinistra restando sempre ben riparati dietro il muretto. Raggiunto il vialetto della casa di fianco a quella di Cruz sganciamoci dalla copertura, proseguiamo dentro il vialetto e scavalchiamo la staccionata di legno in modo tale da rientrare nella proprietà di Cruz - ci troveremo di fianco alla casa e gli uomini alle finestre non saranno più in grado di colpirci. Fatto questo raggiungiamo la porta sul retro, sfondiamola e ripariamoci dietro il muro della cucina a sinistra, quello fatto di maioliche e non ricorperto da carta da parati. Da qui, miriamo prima a Cruz che si riparerà a sinistra, dietro gli scatoloni e successivamente al suo compare che si trova dietro il muro del corridoio all'estrema sinistra. Ucciso comunque Cruz, Roy entrerà in casa e se resteremo in copertura ci pensarà il nostro compagno ad uccidere o snidare il secondo nemico.

Ai fini del caso è possibile uccidere tranquillamente i due sospetti anche restando riparati dietro il muretto di fronte casa di Cruz, ciò però non ci consentirà di ottenere l'obiettivo/trofeo "Ingresso forzato dal retro". Solo l'uccisione dei due criminali dopo essere entrati dal retro sbloccherà i primi punti e trofeo di questo nuovo DLC di LA Noire.

Agente: Vi sto chiedendo cortesemente di circolare. La prossima volta non sarò tanto gentile.

Dopo aver visto il poliziotto e l'arrivo di Carruthers, il coroner, comincerà la fase di analisi degli indizi. Come prima cosa raggiungiamo il cadavere al centro della stanza ed esaminiamo la tasca interna destra e sinistra della giacca per ottenere rispettivamente un dollaro d'argento del pistolero con sopra marchiate le lettere MAS e i documenti che aggiorneranno lo stato dell'uomo a terra con quello di Juan Garcia Cruz. Fatto questo sganciamoci dal corpo e a sinistra, sopra gli scatoloni di fianco alle birre, analizziamo il foglio di carta con su scritto "Masangkay". Visto il foglio, avviciniamoci alla cucina, ma prima controlliamo gli scatoloni a destra di fianco alla porta per aggiungere la Parnell's Soup tra i luoghi da visitare.

Ultimata l'analisi in casa usciamo dalla porta sul retro ed apriamo la piccola porta della struttura in legno di fronte a noi. Una volta dentro, esaminiamo il primo barattolo a sinistra con il coperchio e la scritta Sugar, il quinto sempre da sinistra con la scritta Flour - stesso colore e decorazione del primo barattolo, ma qui troveremo qualcosa di diverso - ed infine il quarto baratto, più chiaro degli altri e con la scritta rossa Flour. Quest'ultimo barattolo è in realtà una serratura per aprire un'area chiusa del ripostiglio, entriamo al suo interno ed interagiamo con le lattine di zuppa di fronte a noi aprendo sia quello con i bordi rossi che verdi in modo tale da vedere al loro interno un bel po' di marijuana. Ottenuto l'indizio, riceveremo anche l'obiettivo di indagare alla fabbrica Parnell's Soup.

E' necessario aprire solo uno dei due barattoli di zuppa, ma per ottenere l'obiettivo/trofeo "Una scodella di zuppa", sarà necessario aprirli entrambi. Ai fini della missione l'apertura delle due lattine non comporta alcuna perdita o penalizzazione.

Controllati i barattoli raggiuntiamo il registro delle consegne della Parnell's Soup a sinistra, sopra il tavolo, cosa che ci aggiornerà lo stato della fabbrica Parnell's Soup fornendocene l'indirizzo. Aperto il registro, toccchiamo con il dito una qualunque tra la prima, terza, quinta, sesta, settima o decima riga della prima pagina o seconda, quarta, settima, ottava o decima riga della seconda pagina in modo da ottenere l'indizio spedizioni di droga da Tijuana e la persona E.J.. Fatto questo ultimeremo l'analisi degli indizi utili, ma all'interno di casa Cruz è presente un ulteriore oggetto da controllare. Usciamo dunque dal ripostiglio, torniamo in casa e raggiungiamo la camera da letto esaminando il volantino sopra gli scatoloni che sbloccherà il luogo 20th Century Market e l'obiettivo Indaga al 20th Century Market.

L'individuazione del volantino ci consentirà di procedere con lo sblocco dell'obiettivo/trofeo "Una pista calda" che ci richiederà di raggiungere direttamente il supermarket 20th Century. Il problema nel seguire le indicazioni date da questo obiettivo sta nel fatto che andando al supermarket salteremo un interrogatorio intero perdendo anche diversi indizi, cosa che porterà la nostra valutazione finale del caso ad un massimo di quattro stelle. Per ottenere dunque questo obiettivo e le cinque stelle, è necessario svolgere il caso due volte.

Conclusa l'analisi degli indizi e degli oggetti in casa di Cruz, usciamo e saliamo in auto settando come destinazione la fabbrica Parnell's Soup, al 6310 di Fountain Avenue. Dal punto di partenza facciamo una inversione di marcia e proseguiamo dunque in direzione sud su Las Palmas Avenue sino all'incrocio con con Fountain Avenue. Qui giriamo a sinistra - curva necessaria - e proseguiamo dritti lungo la via sino al quarto incrocio a destra, Vine Street dove si trova la fabbrica della Parnell's Soup, fonte delle lattine piene di marijuana. Giunti a destinazione scendiamo dall'auto ed entriamo all'interno della fabbrica parlando con le segretarie che ci porteranno dal padrone, Howard Parnell.

Fabbrica Parnell's Soup


Roy: Perfetto. Vediamo chi ha esagerato con i condimenti.

Cole: LAPD. Chi è il padrone della fabbrica, signora?

Segretaria: Il signor Parnell, Howard Parnell. Riferirò che siete arrivati. Prego, sedetevi.

Cole: Se non le spiace veniamo con lei.

Segretaria: Se proprio dovete.

A questo punto Roy, Cole e la segretaria si muoveranno all'interno della fabbrica per raggiungere l'ufficio di Parnell al secondo piano.

Roy: Volevi solo seguirla, eh, vecchio marpione? Devo chiedere scusa per l'occhio lungo del mio partner. Odia quando alzano i tacchi, quasi quanto adora guardarle quando lo fanno.

Cole: Dacci un taglio, Roy.

Segretaria: Puoi accompagnare questi signori a vedere il signor Parnell, Doris? Sono della polizia.

Doris: Seguitemi, signori.

Howard: Che succede?

Roy: LAPD. Resta seduto, ciccione. Potresti essere in guai seri.

Howard: Non c'è bisogno di essere scortesi. Sedetevi, signori. Sono sicuro che potremo trovare una soluzione.


Cole: Può spiegare perché abbiamo trovato sacchetti di marijuana da cinque dollari dentro scatole sigillate di zuppa Parnell's?

Howard: E' un'accusa scadalosa!

Roy: Come lo spieghi, pacioccone? Abbiamo trovato almeno trenta lattine, tutte sigillate e con la tua etichetta sopra.

Cole: Possiamo avere una lista dei vostri impiegati?

Howard: Certo. Non abbiamo nulla da nascondere. Doris, puoi portarmi la lista aggiornata degli impiegati?

Doris: Eccola, signor Parnell.

Howard: Mettila pure sulla scrivania.

Dopo aver visto la segretaria Doris portare il registro e lasciarlo sulla scrivania mostrando le proprie grazie a Cole, avremo la possibilità di consultare il registro degli operai della Parnell's. Il nome che ci interessa sta sulla seconda pagina, ottava riga. Si tratta di Jorge Garcia Cruz, domiciliato al 1452 di North Las Palmas Avenue. Raccolto il nome del nuovo sospetto, si attiverà il vero e proprio interrogatorio da eseguire ad Howard Parnell.

Domanda: Lattine di zuppa sigillate

Cole: Le lattine che abbiamo trovato sono state sigillate in modo impeccabile, signor Parnell. Il responsabile del crimine lavora qui.

Howard: Io non so proprio niente di questa storia! Voglio che abbia fine quanto voi.

Interpretazione: Dubbio

Cole: Mi dica che voglio sapere, Parnell, o metà LAPD verrà qui e tirerà giù questo posto. Sta nascondendo qualcosa.

Howard: Sbaglio o non intende perseguire altre attività illecite irrilevanti del vostro caso di spaccio?

Cole: A seconda della sua definizione di "attività illecita", potremmo anche chiudere un occhio.

Howard: In verità io impiego moltissimi clandestini. Ormai nessuno vuole fare lavori pesanti e così molti dei miei operai sono clandestini messicani. Neri e chicanos locali vogliono tutti lavorare nell'industria aeronautica.

Cole: Forse perché la paga è molto migliore.


Domanda: Azienda Parnell's Soup

Cole: Come vanno le vendite, signor Parnell?

Howard: Benone, figliolo. Stiamo entrando in una nuova era di prosperità. Spero che a voi due piaccia la zuppa.

Interpretazione: Dubbio

Cole: Signor Parnell, sa in che guaio si è cacciato? Avanti, ci dica tutto quello che sa.

Howard: D'accordo, gli affari non vanno bene. Stiamo pensando di ridurre la produzione. Ci vorrà un po' per adattarsi alla fine dei contratti con l'esercito. Sa che abbiamo venduto allo Zio Sam cinque milioni di lattine di minestrone?


Domanda: Conoscenza dei fratelli Cruz

Cole: Mai sentito parlare di Juan Garcia Cruz?

Howard: Direi di no.

Cole: Ha un fratello che lavora qui. Lo conosce?

Howard: Abbiamo molti dipendenti messicani, non li conosco tutti.

Interpretazione: Dubbio

Cole: Strano, Parnell. Ha lo stesso indirizzo di suo fratello Juan, che noi abbiamo ammazzato meno di un'ora fa. E meglio che inizi a parlare.

Howard: Ascolti, io non c'entro. Ho già Washington attaccata al collo che mi accusa di essere un profittatore, come se un uomo non possa guadagnare qualche dollaro mentre c'è una guerra in corso.

Cole: Sono sicuro che migliaia di marine morti riposano tranquilli sapendo che lei si è arricchito.


Domanda: Jorge Garcia, dipendente disonesto

Cole: Parliamo di Jorge Garcia Cruz.

Howard: Jorge? Non conoscevo il suo cognome. La sua squadra si occupa della manutenzione dei nastri trasportatori e delle macchine.

Intrpretazione: Verità

Cole: Adesso è qui?

Howard: No, la manutenzione si fa di notte. L'ultimo turno finisce a mezzanotte, di solito lui arriva alle 9 di sera e finisce per il turno del mattino, quello delle 6.


Cole: Ci piacerebbe dare un'occhiata alla fabbrica, signor Parnell.

Howard: Spero che non sarà necessario fermare la produzione...

Cole: No, no di certo.

Howard: Grazie, le ne sono grato. Venite, vi accompagno.

A questo punto inizierà un tour all'interno della catena di produzione della Parnell, si partirà dalla ricezione della merce messa su tappeti trasportatori che puliscono e tagliuzzano le verdure sino a trasportarle all'interno di alcuni calderoni dove vengono prima cotte e successivamente inscatolate con o senza l'aggiunta di pasta. Al termine del ciclo produttivo il proprietario dello stabilimento ci presenterà Sergio Rojas, il responsabile delle spedizioni. Fatta la conoscenza di Sergio, dovremo esaminare il registro che si trova su di un tavolo di fianco ad Howard. Aperto il registro, tocchiamo con il dito una qualunque delle entrate legate al 20th Century Market, al 1588 di North Highland Avenue - sono le righe due, tre, quattro, sei, nove e undici della prima pagina e le righe due, quattro e cinque della seconda pagina. Ultimata l'analisi, parliamo con Sergio.

Cole: Posso dare un'occhiata a quella moneta?

Sergio: Certo, perché no?

Lanciata la moneta, Cole la prenderà al volo ottenendo così un nuovo indizio, il dollaro di argento di Sergio, anche questo marchiato con le lettere ANG in modo simile a quello del nostro spacciatore morto, Cruz. Esaminata la moneta, scatterà un piccolo interrogatorio.

Cole: Un dollaro d'argento, giusto?

Sergio: Sì, esatto.

Cole: I marchi indicano che è stato tolto dalla circolazione.

Sergio: Forse, ma io non devo comprarci niente. Mi piace. E' un portafortuna.


Domanda: Lattine di zuppa sigillate

Cole: Hai accesso all'area di inscalotamento?

Sergio: Sì, ma resto al mio posto, carico e scarico. La zuppa mi interessa poco.

Interpretazione: Dubbio

Cole: Sergio, se non mi dai qualcosa in più dovrò andare all'immigrazione e chiedere la tua espulsione.

Sergio: La roba arriva ogni due settimane. Ernesto è quello che guida. Il cognome non lo so. la consegnano qui di notte, Jorge la mette nelle scatole. Da qui la spediamo in tutto il mondo.


Domanda: 20th Century Market

Cole: Che cosa sai del 20th Century Market?

Sergio: Nada. Gli ordini vengono dal piano di sopra, io spedisco dove mi dicono di spedire.

Cole: E non conosci Juan Garcia Cruz?

Sergio: No.

Interpretazione: Menzonga

Cole: Stai mentendo, Sergio. Tu sei coinvolto e io lo dimostrerò.

Sergio: Tu sei loco, placa. [Tu sei pazzo, piedipiatti] Io non ho nulla da spartire con Juan Garcia.

Prova: Dollaro d'argento di Sergio

Cole: Abbiamo trovato un dollaro d'argento identico su Juan Garcia. Che coincidenza, eh, Sergio?

Sergio: Juan e Jorge non sono fratelli. Sono cugini. Lavorano per un cattivo gabacho. Quel tipo è feccia. Gli piace dar via dollari d'argento. Jorge mi dà una lista di consegne ogni mattina, la 20th Century c'è sempre.

Cole: Tieni chiusa la bocca per oggi e non ti porto dentro. Affare fatto?

Sergio: Ho forse scelta?

Roy: Stai dicendo sul serio?


Cole: Per ora è tutto, Sergio. Se avessimo ancora bisogno di te chiameremo il signor Parnell.

Sergio: Se proprio devi.

Cole: Ci faremo sentire, signor Parnell. E' basilare che tutto continui a svolgersi normalmente. Tenga d'occhio Sergio, nel caso decida di fare la spia.

Howard: Grazie, lo farò. Chiuderà un occhio sul mio piccolo problema di immigrati, vero?

Roy: Stai allegro, ciccione. Potrai continuare a sfruttare i tuoi disperati ancora per un po'. Beh... finché uno di quei comunisti del sindacato non riesce a infiltrarsi qui.

Concluso l'interrogatorio usciamo dalla fabbrica, saliamo in auto e settiamo come destinazione il 20th Century Market, al 1588 di North Highland Avenue. Non appena Roy sarà in auto, eseguiamo una inversione di marcia e proseguiamo su Fountain Avenue in direzione ovest sino alla curva obbligatoria verso destra che ci immetterà su Highland Avenue. Da qui, non dovremo fare altro che proseguire in direzione nord sino all'incrocio con Selma Avenue dove troveremo il nostro supermercato della droga, frutta e verdura. Giunti sul posto però non si attiverà subito una fase di studio o un interrogatorio, prima ci sarà un filmato e subito dopo un inseguimento.

20th Century Market


Roy: Stai fermo. Vediamo come vanno le cose.

Cole: O questi clienti sono veramente ossessionati dalla zuppa, oppure abbiamo trovato l'intermediario.

Roy: 11 King chiama KGPL.

KGPL: 11 King, parlate pure.

Roy: Richiedo assistenza e una vettura B al 20th Century Market, al 1558 di North Highland. Numerosi sospetti. Codice 2, niente sirene.

KGPL: 11 King, ricevuto.

Roy: OK. La cavalleria dovrebbe arrivare a minuti.

Dopo pochi secondi nell'area giungeranno diverse volanti della polizia, Cole e Roy usciranno dunque dalla loro auto entrando all'interno del supermercato.

Cole: LAPD! Nessuno si muova!

Airto: Correrò il rischio.

Ultimato il filmato otterremo l'obiettivo arresta il commesso dell'emporio che sta tentando la fuga. Andiamo dunque rapidamente a sinistra, giriamo intorno al bancone e una volta fuori dal negozio giriamo subito a sinistra. Il nostro sospetto correrà decisamente lento, quindi basta uno scatto subito dopo il negozio per poterlo placcare ed arrestare. Fermato il sospetto, si attiverà un filmato all'interno del supermarket.

Cole: Qualsiasi cosa abbia addosso, consegnacela.

Il commesso si toglierà dalla tasca un piccolo sacchetto di marijuana dandolo a Cole.

Cole: Direi che la lattina è mezza vuota. Mi sa che questo fa di me un pessimista.


Airto: Non può portarmi dentro.

Roy: Dentro? Ringrazia che non ti abbia sparato. Io non ti avrei certo inseguito; se fosse stato per me adesso avresti un bel buco proprio sulla nuca.

Cole: Voglio qualche informazione.

Airto: Señor, mi piacerebbe aiutarla. Ma devo pensare alla mia famiglia in Messico, i miei compadres non sono molto ragionevoli

Cole: I tuoi compadres? Fa' vedere le tasche?

A questo punto il commesso tirerà fuori prima il dollaro d'argento del negoziane con su impresse le lettere KAY. Subito dopo otterremo anche i documenti dell'uomo, documenti che aggiorneranno lo stato del commesso in Airto Sanchez e quello del dollaro d'argento in dollaro d'argento di Airto. Fatto questo si attiverà una lunga discussione con Airto che porterà successivamente ad un interrogatorio.

Airto: Dobbiamo trovare un accordo. Mi servono garanzie.

Cole: Documenti? Ecco l'accordo, Airto. Tu ci dai le informazioni e io non ti consegno all'immigrazione.


Domanda: Conoscenza di un certo "E.J."

Cole: Dammi EJ, l'autista che porta dentro la roba, altrimenti ti sbatto dentro.

Airto: Io sto qui, non faccio altro.

Intepretazione: Menzogna

Cole: Dimmi la verità, cazzo. Tu ci sei dentro quanto gli altri.

Airto: Le ho detto che li conosco. Le ho detto che la mia famiglia rischia. Questo fa di me un membro della banda?

Prova: Dollaro d'argento di Airto

Cole: Tu hai un dollaro d'argento, Airto. Proprio come Juan. Sono certo che anche Ernesto e gli altri ce l'hanno.

Airto: I dollari d'argento sono il suo marchio.

Cole: Di chi? Dammi un nome.

Airto: Nessuno di noi può vederlo. Le sue creature ci portano gli ordini. Se le dessi il nome, sarei morto insieme con mia moglie e i miei figli.

Roy: Se non ci dai qualcosa, marcirai in prigione mentre la tua famiglia morirà di fame in strada.

Airto: Ernesto Juarez... stanotte all'1 porterà il camion alla fabbrica di zuppa. La prego, mi aiuti. Ernesto può essere molto cattivo.


Domanda: Spedizioni della Parnell's Soup

Cole: Dimmi tutto delle lattine di zuppa.

Airto: La zuppa è molto popolare... come può vedere.

Interpretazione: Dubbio

Roy: Tutto molto divertente, simpaticone. Vuoi provare a ripeterlo senza denti?

Airto: Mi arriva un carico alle 7:30 ogni due giorni dalla fabbrica. Organizza tutto Jorge.


Domanda: Juan e Jorge Cruz

Cole: Sappiamo di Jorge e Juan. Juan è morto. Dicci che rapporti hai con i Cruz.

Airto: Ernesto ha messo in piedi tutto. Lui ha portato dentro Juan, e Juan ha portato Jorge.

Interpretazione: Verità

Cole: Continua.

Airto: Io ero già qui. Ernesto sa che sono clandestino, ha minacciato di denunciarmi se non li aiutavo, e poi paga bene. I gringos e le gringas, loro adorano l'erba. E io non avevo voglia di andare via e ricominciare daccapo a San Francisco.

Roy: Mi stai spezzando il cuore.

Cole: Sei in arresto, Airto. Parlerò al procuratore e cercherò di convincerlo a non portarti via tutto o a rimpatriarti. E' il massimo che posso fare.

Aggiornato lo stato di EJ in Ernesto Juarez e concluso l'interrogatorio, la schermata andrà a nero per riaprisi in piena notte di fronte alla Parnell's Soup.

Fabbrica Parnell's Soup

Cole: Freddie ha detto che distribuiscono 25Kg alla settimana. Sono un sacco di lattine.

Roy: Secondo me questa è un'operazione che spazia in tutto il paese e coinvolge trafficanti selezionati. Localmente l'erba viene smerciata nel solito modo, con delinquenti da strada.

Cole: Qualcuno dovrà ben conoscere questa specie di signore della droga...

Roy: Eccoli che arrivano.

La telecamera a questo punto si sposterà sull'ingresso della fabbrica mostrando un furgone con due tipi che raggiungerà l'area di carico e scarico. Dopo che i due trafficheranno un po', la telecamera tornerà su Cole e Roy.

Roy: Lasciamo che scarichino la roba.

Cole: Adesso?

Roy: Andiamo a prenderli.

Dopo aver fatto segnale alle auto della polizia che scatterrano mettendo in opera una vera e propria retata, acceleriamo e facciamo un rapido destra/sinistra raggiungendo così l'ingresso della fabbrica. Se abbiamo il DLC "Il piano di Chicago", prima di entrare nella fabbrica apriamo il baule di un'auto della polizia - la nostra o quella di pattuglia - e raccogliamo il Thompson dal bagagliaio. Raccolta o meno l'arma, entriamo nella fabbrica, sfondiamo le doppie porte e andiamo rapidamente a ripararci dietro le scatole a destra. Nell'area sono presenti in tutto otto nemici, i primi sei li avremo tutti al piano terra, gli ultimi due su quello supriore.

Il più pericoloso per noi si trova a sinistra, all'interno della baracca/gabiotto. Spacchiamo dunque i vetri con una scarica e facciamolo subito dopo fuori. Fatto questo occupiamoci degli uomini di fronte a noi, molti dei quali si troveranno a sinistra e di fronte dietro casse e lamiere. I restanti, nel piano inferiore, si troveranno in fondo a destra, sotto il soppalco che costituisce il piano superiore. Eliminati anche gli uomini a destra, non ci resta che salire sul soppalco ed eliminare gli ultimi due. E' importante tenere a mente comunque che nell'area non siamo gli unici "buoni" a sparare, oltre a noi sono presenti anche diversi agenti di pattuglia, tutti generalmente pessimi con le armi in mano e Roy, il nostro collega che invece a volte è in grado di eseguire ottimi tiri.

Una volta uccisi tutti i nemici si attiverà prima un filmato in cui vedremo Ray Pinker arrivare nell'area e successivamente un poliziotto che ci dirà di entrare nel gabiotto a sinistra, quello in cui si trovava il peggiore dei nemici. Ottenuti dunque i comandi raggiungiamo l'uomo a terra dentro il gabbiotto ed esaminiamo il dollaro d'argento del pistolero nella mano sinistra che reca le lettere ALS stampate ed il portafoglio con i documenti e il biglietto del cinema. Fatto questo usciamo dal gabiotto e raggiungiamo Roy Earle che sarà di fianco ad una scatola dentro la quale troveremo la spedizione di marijuana. Controllata la scatola un altro agente ci avvertirà di aver trovato il cadavere di un certo Cruz. Saliamo dunque sul soppalco e raccogliamo nella mano sinistra il rotolo di banconote e nella tasca della camicia l'ennesimo dollaro d'argento di Jorge con su incise le lettere MET. Fatto questo, si attiverà un breve filmato.

Malcolm: Phelps. Earle. Un bel bagno di sangue. Cos'è questa storia?

Cole: Droga e soldi. Cos'altro? A proposito di soldi... che fine ha fatto quel rotolo?

Roy: L'ho preso io per metterlo al sicuro. Il dipartimento mi deve ancora cinquanta dollari.

Cole: Ray, altre due monete per te.

Ray: Fantastico. Ho qualcosa da mostrarvi. E' tutto qui, sul tavolo. Ecco qua... guardate un po' le monete che avete raccolto.

Ottenuti i comandi ed interagito con la telecamera, spostiamo la moneta con la scritta ANG al secondo posto, quella con la scritta MAS al primo e quella con la scritta ALS all'ultimo. Così facendo otterremo la scritta MAS|ANG|KAY|MET|ALS. Risolto l'enigma ed ottenuto l'indizio dollari d'argento trovati, ripartirà il filmato.

Alla risoluzione del puzzle è legato anche il quarto obiettivo/trofeo del DLC. Una volta concluso il puzzle ottenendo il nome dell'accieria di Los Angeles, sbloccheremo i punti ed il trofeo "C'hai due spicci?".

Cole: Sulla prima moneta, "MAS". Sulla seconda, "ANG". Sulla terza, "KAY". Sulla quarta "MET". Sulla quinta "ALS". Masangkay Metals.

Ray: Una fonderia. Vi interessa l'indirizzo?

Cole: Accidenti!

Ray: 1034 Vine Street, Hollywood. Qui finiamo noi. E' già stata una notte lunga, Phelps. Vedete se riuscite a convincerli ad arrendersi.

Sbloccato ed aggiornato lo stato della Masangkay Metals ed ottenuto l'obiettivo indaga alla Masangkay Metals, usciamo dalla fabbrica di Parnell, saliamo in auto e dirigiamoci alla fonderia. Non appena Roy sarà in auto, usciamo dal parcheggio sulla destra e giriamo nuovamente a destra su Vine Street in modo tale da percorrerla in direzione sud. La nostra fonderia sarà di strada, dobbiamo solo tenere lo sterzo dritto e l'acceleratore premuto. Giunti di fronte al magazzino della Masangkay Metals Cole troverà il cancello chiuso e l'area recintata. Andiamo a sinistra, superiamo il muretto basso e proseguiamo lungo il muro di contenimento della Masangkay finché trovereremo il pezzo senza il filo spinato. Scavalchiamo qui il muro e proseguiamo dritti sino in fondo dove troveremo l'accesso con un uomo a sinistra coperto da alcuni furgoni e tre a destra che giocano a carte ad un tavolo.

Facciamo fuori rapidamente i tre al tavolo dalla copertura, dopodiché entriamo, spostiamoci a sinistra ed eliminiamo il quarto. Fatto questo raccogliamo il mitragliatore del quarto uomo, raggiungiamo successivamente le scale e saliamo al piano superiore. Una volta in cima Roy si dirigerà all'interno dell'area di fronte. Noi restiamo fuori e puntiamo l'arma nel gabiotto a destra da dove sparerà un nemico. Uccidiamo l'uomo e proseguiamo avanti seguendo Roy. Il secondo nemico si trova nel gabiotto a sinistra dopo quello centrale attraversato da Roy ed il terzo sarà in quello di fronte al gabiotto di sinistra. Eliminati i tre saliamo un'altra rampa di scale per affrontare altri tre uomini, tutti stavolta in campo aperto, malamente riparati dietro lamiere o scaffali. Eliminati i tre, raggiungiamo la porta bianca e sfondiamola per attivare i filmati che ci porteranno alla conclusione del DLC.

Cole: LAPD! Mani in alto!

Roy: Victor Sanders.

Cole: Conosci questo tizio?

Roy: Avrei dovuto saperlo.

Victor: Certo che conosco Roy. Sono molti anni che io e Roy abbiamo un accordo.

Cole: In piedi. Sei in arresto.

Victor: Davvero? La cosa si fa interessante.

Cole: Abbiamo una montagna di prove schiaccianti, oltre alle testimonianze...

Victor: Ti sorprenderà scoprire quanto le cose tendano ad aggiustarsi. Prove che scompaiono, testimoni che non si trovano più, poliziotti che dimenticano. Niente è impossibile quando si ha una lista di clienti come la mia.

Cole: Chiudi quella bocca. Girati e metti le mani dietro la testa.


Dopo un gesto di rassegnazione sia da parte di Victor che Roy, la scena andrà a nero per riaprisi all'interno della fonderia con l'arrivo di Colmayer che giudicherà il lavoro di Phelps.

Archibald: Lavorare alla Narcotici può essere duro, Phelps. Ma da parte dei nostri superiori, di ogni madre, padre e bravo cittadino, voglio ringraziare te e il tuo partner per aver distrutto questo traffico di droga. Per i ragazzi di questa città l'erba è una minaccia quasi quanto il comunismo.

Cole: E Sanders, tenente?

Archibald: Lascia che a Sanders ci pensi io, Phelps. Il capo se ne occuperà personalmente.

Cole: Sarà processato?

Archibald: Phelps, stiamo festeggiando il tuo successo. Non forzare la mano. Sanders non è più un tuo problema.

Ottenuta la valutazione da Colmayer completeremo definitamente questo caso, lunghetto ma apparentemente molto corto. La conclusione, come per ogni DLC, sbloccherà l'ultimo dei cinque obiettivi/trofei, ossia "Ogni seme che produce erba".

Si conclude dunque così il quarto caso aggiuntivo della trama di L.A. Noire. Il vero carattere di Roy e il livello di corruzione della polizia di Los Angeles continuano a venir fuori e nonostante tutto, Cole continuerà a lavorare per la Narcotici.

Cinque stelle

Ogni caso della storia di L.A. Noire viene valutato dal capo del dipartimento con un voto che può andare da un minimo di una ad un massimo di cinque stelle. Minore sarà il tempo perso e maggiore la precisione nel trovare indizi e fare le domande corrette, migliore sarà la valutazione finale che otterremo. Non esistono tempi specifici o obiettivi minimi, tutto sta nel non compiere errori e nel guidare quanto più correttamente possibile in modo tale da non creare danni alla città, all'auto o alle persone. E' possibile ottenere la valutazione a cinque stelle rigiocando lo stesso caso attraverso l'apposita funzione nel menu alla voce Casi - ovviamente l'opzione sarà attiva solo dopo aver ultimato il caso una prima volta.

Il caso che dobbiamo affrontare è decisamente semplice e vista inoltre la possibilità di far guidare sempre Roy, non avremo problemi dal punto di vista danni. Tutto sta dunque nel seguire la corretta pista degli indizi per le cinque stelle. Il punto in cui si può perdere tutto è a casa dello spacciatore, una volta ultimata la ricerca degli indizi, se fatta correttamente, potremo andare sia alla fabbrica che al supermarket. Se sceglieremo la prima potremo concludere il caso con la massima valutazione, optando invece per la seconda sbloccheremo un obiettivo, ma non potremo mai ottenere il massimo della valutazione dato che perderemo un interrogatorio e diversi indizi.

Video

Qui di seguito potete visionare il video in formato 720p HD della missione - il video è una guida visiva a quanto bisogna fare durante la missione per concluderla al meglio. Il video mostra il completamento della missione con la tattica ideale per ottenere le cinque stelle come valutazione finale del lavoro, il video pertanto mostrerà tutti i filmati, gli indizi, gli interrogatori e le fasi di guida seguendo le strade migliori da percorrere per raggiungere ogni punto di interesse all'interno del caso.



Warning: include(/home/gtaser/my_domains/lanoire/scripts/addthis.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/rewrite_index.php on line 141

Warning: include(): Failed opening '/home/gtaser/my_domains/lanoire/scripts/addthis.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php') in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/rewrite_index.php on line 141

Warning: include(/home/network/public_html/ads-stats-ugo-network/ads-300x250.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/rewrite_index.php on line 143

Warning: include(): Failed opening '/home/network/public_html/ads-stats-ugo-network/ads-300x250.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php') in /web/htdocs/www.lanoire-crimes.com/home/www/it/rewrite_index.php on line 143